Monastier fiorita: premiati i cittadini che rendono più bello il paese

Nella seconda edizione del concorso floreale, ideato dall'Amministrazione Moro, premiati non solo giardini e balconi, ma anche gli orti. Un attestato di merito a sei anziane della locale casa di riposo.

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di TrevisoToday

Domenica sera 19 agosto, nell'allegra cornice della sagra paesana di Santa Maria Assunta, si è tenuta la premiazione del concorso Monastier Fiorita promosso dall'amministrazione comunale per il secondo anno consecutivo. I tre vincitori, che hanno ricevuto un buono spesa ciascuno per l'acquisto presso esercenti locali di materiali da giardinaggio, sono stati: per la categoria Giardini fioriti Antony Simone Brazzo, per la categoria Balconi fioriti Claudia Bortolan e per la categoria Orto piu' bello Luciano Beraldo. I tre cittadini sono stati premiati dalla sindaca di Monastier, Paola Moro, insieme all'assessore alle Attività produttive e Politiche ambientali Paola Sartori. “Anche in questa seconda edizione di Monastier Fiorita - ha spiegato l'assessore Sartori - abbiamo premiato l'impegno di chi, con piccoli gesti quotidiani, contribuisce a rendere più bello, gradevole ed ospitale il patrimonio privato del nostro paese, attraverso l'utilizzo ed il linguaggio dei fiori. Novità di questa edizione sono state sia l'inserimento della nuova categoria L'Orto che ti p'Orto- l'Orto più bello sia la valorizzazione di iniziative per sensibilizzare contro lo spreco d'acqua e verso la raccolta differenziata per il compost domestico”. Il lunedì successivo, l'amministrazione comunale di Monastier ha premiato anche sei anziane residenti al centro servizi Villa delle Magnolie, per aver reso più belli i terrazzini delle loro camere. Le anziane sono Irma Primo, Maria Naressi, Adriana Lovadina, Evelina Masat, Carmen Bivi e Pierina Stravato che hanno ricevuto un attestato di merito per l’impegno profuso.

Torna su
TrevisoToday è in caricamento