Attualità

Al via progetti esecutivi relativi al percorso rurale di Contea e dello Stradone del Bosco

La giunta comunale di Montebelluna ha deliberato in questi giorni l'intervento di messa in sicurezza del parco di via Monte Solder fino a via Castellana e di due tratti dello Stradone, da Via Lollini a Via Stradetta e da Via Brigata Campania a Via Galeazze

Via Stradone del Bosco a Montebelluna

La giunta comunale di Montebelluna ha approvato in questi giorni il progetto definitivo-esecutivo dei lavori di “messa in sicurezza del percorso rurale nel tratto tra il parco di via Monte Solder fino a via Castellana e di due tratti dello Stradone del Bosco, da Via Lollini (presa XVII) a Via Stradetta e da Via Brigata Campania (presa XIX) a Via Galeazze.

La pavimentazione stradale di Via Stradone del Bosco risulta essere in parte asfaltata ed in parte sterrata. La viabilità in alcuni tratti risulta interdetta ai veicoli (eccetto frontisti e/o autorizzati), favorendo la mobilità pedonale e ciclopedonale e preservando in tal senso i luoghi di pregio paesaggistico-naturale e storico-artistico che vengono attraversati. 

Lungo Via Stradone del Bosco, sul lato a ridosso del canale irriguo, come barriera di protezione a servizio degli utenti della strada, è presente una staccionata in parte in legno, che versa in un cattivo stato di conservazione e in parte in acciaio corten. Già nel 2018 era infatti stata realizzata la sostituzione di tratti di staccionata danneggiata con una nuova staccionata della tipologia acciaio corten, dall’intersezione con Via Brigata Campania (presa XIX) all’intersezione con Via I. Lollini (presa XVII). Era stato scelto questo tratto in quanto era il tratto che presentava maggiori danni alle staccionate, che in alcuni tratti risultavano mancanti o erano precarie. Il nuovo intervento di manutenzione comporterà la realizzazione o la sostituzione delle staccionate danneggiate con nuova staccionata della tipologia acciaio corten. Questo materiale è stato scelto perché in grado di valorizzare il percorso che costeggia il Canale del Bosco, mettendo in sicurezza il percorso stradale stesso e valorizzando al tempo stesso le pregiate aree di valenza paesaggistico-naturalistica e storico-artistico interessate e che si collegano alle aree d’ambito della “Villa Correr Pisani”, promossa a Museo Memoriale della Grande Guerra che ha visto come protagoniste le zone collinari del Montello.

Il percorso rurale nella frazione di Contea è invece stato realizzato nel 2010 e corre lungo il Canale Caerano, denominato “Brentella”. Si tratta di un’area di buon pregio ambientale, caratterizzata dall’acqua e da numerose specie vegetali presenti in esemplari isolati o aggregati in lunghe e variegate siepi. Il tratto fa parte di un percorso ciclo pedonale, che collega il centro storico di Montebelluna con quello di Falzè di Trevignano e si caratterizza come un collegamento alternativo alla viabilità carrabile e di fatto va a servire tutte le aree residenziali poste nella zona di Contea, collegandole con le zone più centrali di Montebelluna poste ad est. Attualmente il tratto da Via S. Carlo a Via Castellana è privo di qualsiasi protezione verso il canale, mentre nel tratto in corrispondenza di Monte Solder è presente una staccionata in legno, in cattivo stato di conservazione e in parte mancano elementi lignei orizzontali e/o verticali.

«Entrambe le situazioni - spiega l'assessore ai lavori pubblici Michele Toaldo -  fanno venir meno la sicurezza degli utenti della strada, soprattutto di pedoni e ciclisti, e pertanto l’amministrazione interverrà sia per garantire la sicurezza sia per riqualificare le pregiate aree a valenza paesaggistico-naturalistica e di interesse storico-artistico dello Stradone del Bosco e del percorso rurale di Contea, anche dal punto di vista estetico, con l’installazione di nuove staccionate della tipologia acciaio corten. Considerato che sono stati reperiti altri fondi, si è deciso di prendere in considerazione questi ulteriori tratti, per quanto riguarda Via Stradone del Bosco, in quanto essi presentano maggiori danni alle staccionate, mentre per quanto riguarda il percorso rurale in quanto attualmente nel tratto compreso tra Via S. Carlo e Via Castellana esso è privo di qualsiasi protezione verso il canale, mentre il tratto, in corrispondenza del parco di Via Monte Solder, è in condizioni precarie e ne mancano delle parti».

«Gli interventi - aggiunge il sindaco Elzo Severin - avranno un costo complessivo di 100mila. Procederemo con la gara e poi si andranno ad eseguire i lavori che restituiranno sicurezza a due percorsi frequentanti, soprattutto dai pedoni».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Al via progetti esecutivi relativi al percorso rurale di Contea e dello Stradone del Bosco

TrevisoToday è in caricamento