menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Laura Mattarella visita il Museo dello Scarpone di Montebelluna

La figlia del Presidente della Repubblica, in occasione di una breve vacanza, ha voluto visitare il luogo simbolo dell’imprenditoria del Distretto della Calzatura e di un nord-est

MONTEBELLUNA Sabato 12 maggio, il Museo dello Scarpone e della Calzatura di Montebelluna ha avuto un ospite molto speciale: Laura Mattarella, figlia del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, che in occasione di una breve vacanza ha voluto visitare il luogo simbolo dell’imprenditoria del Distretto della Calzatura e di un nord-est sempre più operoso e in piena trasformazione industriale.

Accompagnata dal Presidente dell’Associazione Sportsystem Patrizio Bof e dalla curatrice del museo Francesca Sfoggia, la dottoressa Mattarella ha potuto ammirare la collezione museale, che raccoglie oltre 2.000 oggetti legati al mondo del design, della progettazione e dell’innovazione tecnologica del distretto dagli anni ’50 ai nostri giorni, alcuni dei quali esposti in modo permanente al MOMA di New York e proprio in questi giorni alla Triennale di Milano nell’area Design. Molti sono stati i commenti positivi anche ai molti brand internazionali rappresentati, testimonianza di una diffusa conoscenza del saper fare che va ben oltre i confini geografici del Distretto.

La dottoressa Mattarella ha espresso anche particolare apprezzamento alle iniziative attuali e future dell’Associazione Sportsystem, che opera per supportare la crescita e lo sviluppo della cultura industriale e imprenditoriale del Distretto, trasformandolo in un ecosistema dell’innovazione pronto a cogliere le nuove opportunità di un’industria e un mercato in continua trasformazione. Prime fra queste è la nuova scuola del mestieri o “Talent School”, progettata per dare la possibilità a giovani e non di imparare e rinnovare tutto il Know-how che secoli di storia industriale ha creato nel territorio. La dottoressa Mattarella ha avuto anche modo di apprezzare il contesto ove si colloca il museo e ha sede l’Associazione Sportsystem, ovvero Villa Zuccareda Binetti, sia nelle aree adibite al percorso espositivo che in alcune aree non aperte al pubblico e riservate per alcune occasioni importanti.

_DSC0777-new-2

“Siamo particolarmente colpiti che la “first lady”, ovvero la figlia del Presidente della Repubblica, abbia deciso di trascorrere 2 ore della sua giornata di vacanza visitando il museo e comprendendo bene quali siano le potenzialità e le necessità del nostro territorio. Giovani, innovazione e Italianità come risultato del lavoro di molte imprese e delle maestranze del territorio sono sicuramente il nostro miglior biglietto da visita”, commenta Patrizio Bof, Presidente dell’Associazione Sportsystem. “Ci auguriamo che questa visita, che si è conclusa con un arrivederci a presto, possa essere anche colta da imprese ed Istituzioni Regionali come segno della grande rilevanza delle nostre attività per promuovere la cultura d’impresa, aiutandoci a dare concretezza ai vari progetti che la nostra Associazione sta con mille difficoltà cercando di attivare. Credo che, ora più che mai, sia necessario ritornare a mettere in centro del nostro territorio l’Associazione e la Fondazione come motori di accelerazione e di sviluppo del Distretto. Vogliamo che la prossima visita della dottoressa Mattarella, speriamo a breve accompagnata anche dal padre Sergio, ci colga pronti e preparati a dimostrare tutta la vitalità del nostro territorio”, conclude Patrizio Bof.

Museo Scarpone-13-new-2

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Casa

Ammoniaca vs Candeggina: chi uccide meglio i germi?

Attualità

Roncade: messo in vendita il centro commerciale Arsenale

social

Tre pasticcerie trevigiane in sfida a Cake Star

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Meteo

    Caldo anomalo nella Marca: «Da sabato temperature in calo»

  • Aziende

    «Positiva la scelta di istituire un ministero per la disabilità»

Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento