Addio ad una delle Sorelle Ramonda, grande imprenditrice veneta

Da un piccolo negozio nel dopoguerra alla catena con il suo marchio, tantissimi trevigiani si nono serviti da lei, scompare una lady di altri tempi

"Serenamente si è addormentata nel Signore, dopo una vita dedicata interamente alla famiglia ed al lavoro, lasciando il più caro ricordo della sua bontà e rettitudine. Ciao Maria" Così la famiglia ha dato l'annuncio della scomparsa di Maria Ramonda, Si è spenta nella notte Maria Ramonda, l’imprenditrice vicentina nota per aver creato, insieme ai fratelli, la catena di negozi di abbigliamento Sorelle Ramonda, a Treviso presente con 3 grandi punti vendita. Era una lady di ferro, una signora che ha dato la vita per l'azienda, la famiglia e la moda. Maria insieme ai fratelli Ginetta e Giuseppe hanno costruito l’impero commerciale delle “Sorelle Ramonda”.

Se ne è andata serenamente all'età di 94 anni. Lascia nel dolore figli, nipoti e quanti l'hanno conosciuta e che ricorderanno per sempre il suo dolce sorriso anche nei momenti difficili.

La storia 

Una straordinaria capacità di idee, intuizioni e lavoro che riesce a concretizzarsi in una impresa di successo.

Oggi il nome delle Sorelle Ramonda è noto in tutta Italia e il loro modo di fare commercio è diventato un modello che ha anticipato i tempi e ha dato impronta a tutta un’epoca con una formula che resiste agli anni e riesce a rinnovarsi e ad avere successo anche in momenti di congiuntura economica, nazionale e internazionale non certo facili.

Cinquant’anni di attività, un cammino fruttuoso oltreché prestigioso, in cui si incrociano le tradizioni e le radici più illuminate del commercio e la vocazione tipica vicentina all’imprenditoria di tipo familiare.

La storia prende le prime mosse negli Anni Trenta. A Rosà, una frazione di Montecchio Maggiore, dove era nata Amelia Ramonda, che per dare una mano alla famiglia, mise su una piccola rivendita ambulante. Erano anni di miseria, in casa e fuori c’era quello che c’era, e Amelia vendeva qualche modesto articolo di abbigliamento.

Nel frattempo, nonostante la nascita di otto figli, grazie a uno spirito eccezionale e a una forza di volontà incredibile, riuscì a mettere da parte ciò che serviva per aprire una bottega. Un locale di pochi metri, ma finalmente un punto vendita fisso. E’ il 1950. e alla madre  un po’ alla volta, si affiancano prima le figlie Maria e Ginetta, poi anche il figlio Giuseppe.

Ben presto il piccolo negozio non basta più, e allora, con felice intuito, scelgono di trasferirsi ad Alte di Montecchio Maggiore (VI), che allora viveva grazie alla fabbrica Ceccato ma che aveva tutte le potenzialità per diventare, per la sua posizione geografica, un importante crocevia di comunicazioni.

Ed è una nuova svolta. L’offerta assume dimensioni estesissime, l’assortimento di confezioni e abbigliamento copre tutte le migliori griffes del settore, dalle firme mondiali agli emergenti, diventano ogni giorno meta di eserciti di persone che arrivano anche da altre regioni.

Ma il marchio Ramonda non si ferma qui. Nascono altre grosse realtà commerciali in altre aree del Veneto, nel Friuli, in Lombardia, e nel settore alimentare e in quello delle calzature.

A Maria, Ginetta e Giuseppe si affiancano figli e nipoti che portano nuova linfa di idee e di impulso. Come dire: 50 anni travolgenti.

A Treviso

Ramonda ha aperto anni fa un grande Centro Commerciale Sorelle Ramonda a Villorba, in città sono presenti con un outlet e a Onè di Fonte con un negozio.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'auto si schianta fuori strada: morto un 22enne, due feriti gravi

  • Torna l'ora solare, quando vanno spostate le lancette

  • Vedelago, travolta e uccisa da un'auto di fronte al marito

  • I 6 piatti trevigiani che non possono mancare sulle tavole d'autunno

  • Auto sbanda e si ribalta, conducente in ospedale: è gravissima

  • Mascherina indossata per troppo tempo, studente si sente male

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrevisoToday è in caricamento