Attualità

Movida, la Prefettura: «Controlli straordinari nel weekend»

Dopo le numerose segnalazioni di questi giorni, in merito ai continui assembramenti fuori dai locali trevigiani, è stato deciso di intensificare i controlli nel fine settimana

Nella mattinata di giovedì ha avuto luogo una seduta del Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica, con la partecipazione, oltre che dei vertici delle forze di polizia, anche del sindaco di Treviso Mario Conte, del Presidente della Provincia di Treviso Stefano Marcon e del Vice Comandante della Polizia Locale di Treviso, tutti collegati in videoconferenza per esaminare la situazione e mettere a punto la strategia da seguire nella Fase 2, anche alla luce delle recenti ulteriori misure per fronteggiare l’emergenza epidemiologica. Nel corso dell’incontro è stata in particolare affrontata la tematica del rispetto del divieto di assembramento e dell’osservanza delle misure di distanziamento sociale, soprattutto presso gli esercizi pubblici e altri luoghi di ritrovo dei giovani, nonché in altri spazi di aggregazione di persone, quali ad esempio i mercati cittadini.

Proprio al fine di prevenire e contrastare fenomeni di affollamento, che si sono registrati anche nella Marca, nel primo giorno di ripresa della vita sociale è stato disposto, anche in previsione del fine settimana, un incremento dei servizi di controllo da parte della polizia locale (con l’eventuale supporto delle forze dell’ordine), con particolare attenzione rivolta proprio ai luoghi sensibili. Contestualmente, l’attività di controllo del territorio ad opera delle forze di polizia sarà in ogni caso diretta a contrastare ogni tentativo di ripresa della criminalità diffusa. Non da ultimo, è stata anche richiamata l’attenzione sui provvedimenti che la normativa riserva ai sindaci, nel cui novero rientra anche il potere sindacale di intervento sull’orario di apertura degli esercizi pubblici, nonché sulle eventuali sanzioni cui potranno incorrere i gestori ed i clienti dei pubblici esercizi. Per queste finalità è stata altresì diramata una circolare ai sindaci dei Comuni della provincia.

«Nel Comitato di Sicurezza e Ordine Pubblico, indetto nella giornata di mercoledì dalla Prefettura – dichiara Stefano Marcon, Presidente della Provincia di Treviso – si è fatto il focus sulle aree particolarmente sensibili che necessitano di intensificare i controlli da parte delle forze dell’ordine sugli, oltre che sugli episodi che vengono segnalati nell’apertura del lockdown in questa Fase 2. Si è quindi condiviso l’inserimento tra le zone nelle quali è necessario garantire il distanziamento sociale, fino alla scadenza dello stato di emergenza fissato al 31 luglio, di locali, bar, aree di movida e dei mercati comunali. E’ necessaria la collaborazione di tutti, tra cui operatori e fruitori, affinché possa essere consentito lo svolgimento delle attività nella massima sicurezza, accettando anche modifiche rispetto alle consuete e consolidate modalità seguite in situazioni non eccezionali come quella attuale. Misure straordinarie di controllo sono state definite nel Comitato di giovedì e queste vedono la sinergia tra polizia municipale e forze dell’ordine a garanzia della tutela dell’ordine pubblico dove venga riscontrato uno scarso senso di responsabilità in questa fase di ripresa così delicata» conclude Marcon.

Marcon in Comitato OSP-2

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Movida, la Prefettura: «Controlli straordinari nel weekend»

TrevisoToday è in caricamento