Un metro e mezzo tra auto e bici: Nibali consegna ad Asolo il nuovo segnale stradale

Il trionfatore del Giro d'Italia ha incontrato il sindaco Mauro Migliorini. Il nuovo segnale sarà messo sulle strade comunali: distanza obbligatoria per le auto in sorpasso

Vincenzo Nibali e Mauro Migliorini

Uno Squalo per promuovere il corretto rapporto sulla strada tra automobili, motociclette, ciclisti e pedoni. L'amministrazione comunale di Asolo ha aderito alla campagna promossa dall'Accpi (Associazione Corridori Ciclisti Professionisti Italiani) per la sensibilizzazione sul rispetto della distanza laterale minima di un metro e mezzo nel momento in cui un autoveicolo, sulla strada, sorpassa un ciclista. La norma è stata introdotta l'anno scorso nel Codice della strada ed è stata fatta propria dall'Accpi, che ha promosso la realizzazione di un cartello stradale di colore giallo e nero con impressa la distanza minima di 1,5 metri (che tutti i mezzi motorizzati dovrebbero tenere per sorpassare in totale sicurezza un ciclista) e che viene messo a disposizione dei Comuni italiani, come Asolo, sensibili a questo importante aspetto della sicurezza stradale.

Lunedì mattina, nella splendida cornice montana del Passo San Pellegrino, il Sindaco Mauro Migliorini ha avuto il piacere e l'onore di ricevere il cartello giallo e nero nientemeno che dal campionissimo del ciclismo Vincenzo Nibali, soprannominato appunto “lo Squalo”, attualmente in forza al team Trek-Segafredo, nel cui ricco palmares di vittorie figurano i trionfi alla Vuelta di Spagna nel 2010, al Giro d'Italia nel 2013 e 2016 e al Tour de France nel 2014. Il primo cittadino di Asolo ha inoltre ricevuto altri cartelli dalle mani di altri due ciclisti del team Trek-Segafredo, testimonial dell'iniziativa: Giulio Ciccone, vincitore di due tappe al Giro d'Italia e primo abruzzese ad aver indossato la maglia gialla al Tour de France e la polacca Anna Plichta, atleta di punta della squadra femminile. La segnaletica che richiama il rispetto di un metro e mezzo nel sorpasso tra auto e ciclista sarà adesso installata sulle strade della viabilità comunale asolana. Nell'occasione Vincenzo Nibali, affiancato dal Sindaco di Asolo, ha diffuso un videomessaggio in cui sottolinea il significato dell'iniziativa.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Sono molto contento - ha dichiarato il campione siciliano - che la città di Asolo ha adottato la segnaletica stradale di un metro e mezzo. Sicuramente è un incentivo in più per gli automobilisti, ma quello che chiedo io è che anche il ciclista utilizzi il Codice della Strada nel modo corretto, quindi lasciando libero anche il passo alle auto e stare correttamente a destra. Questo sicuramente è un messaggio molto importante ed è quello di cercare di convivere tutti in strada, perché la strada è di tutti». «Per quanto ci riguarda - afferma il sindaco Migliorini - questa tipologia di segnaletica che verrà messa sulle strade comunali richiama l'attenzione al rispetto della distanza durante i sorpassi, non solo nei confronti dei ciclisti ma di tutte le fasce deboli che usufruiscono della strada. Quindi dal pedone al motociclista, alla mountain bike ma anche dall'altra parte, come correttamente sottolineato da Vincenzo Nibali, ci deve essere il rispetto del ciclista nei confronti dell'automobilista e nei confronti del pedone. La strada è di tutti e su questa strada ci dobbiamo transitare, cerchiamo quindi di rispettarci e di volerci bene tutti. Il messaggio di questa campagna per la sicurezza stradale è davvero importante».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid-19: allarme arancione in Veneto, Zaia temporeggia sull'ordinanza

  • Torna l'ora solare, quando vanno spostate le lancette

  • Nuovo Dpcm, Conte ha firmato: ecco che cosa cambia da lunedì

  • Covid, Zaia: «Treviso sta entrando nella terza fascia di emergenza»

  • Pranzo tra amici si trasforma in un focolaio Covid: trovati quindici positivi

  • Covid, Zaia: «In arrivo nuova ordinanza per limitare gli assembramenti»

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrevisoToday è in caricamento