Malore improvviso nella notte: Nicola perde la vita a soli 17 anni

Valdobbiadene in lutto per la scomparsa tragica e improvvisa di Nicola Comarella, studente del liceo Verdi morto mercoledì sera, 11 marzo, dopo aver guardato un film con il fratello

Un sorridente Nicola Comarella

Aveva passato la serata di mercoledì 11 marzo guardando un film al computer con uno dei suoi fratelli. All'improvviso, verso le 23.30, ha iniziato a sentirsi male respirando a fatica e, dopo un profondo sospiro, si è accasciato a terra senza vita.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nicola Comarella è morto a soli 17 anni nella sua casa in località Funer a Valdobbiadene. A darne per primo l'annuncio è stata la Federazione Italiana Sport Orientamento. Nicola era un tesserato della società Ori Tarzo. Amava lo sport e l'atletica ma un malore improvviso dopo una tranquilla serata passata in famiglia, l'ha strappato all'affetto di tutti i suoi cari. Nonostante la chiamata immediata ai soccorsi, quando l'ambulanza è arrivata sul posto per il giovane non c'era già più nulla da fare. Sarà l'autopsia, disposta dal sostituto procuratore Paolo Fietta, che ha aperto un fascicolo di indagine per atti relativi, a dover chiarire le esatte cause del decesso. Di recente il 17enne aveva avuto una normale influenza stagionale e soffriva di cervicali e un po' d'asma. Nonostante questo il 17enne si era sempre allenato senza problemi. Ragazzo solare, garbato, sempre sorridente, amico di tutti, sempre pronto e disponibile nel dare una mano, lascia un vuoto enorme tra i suoi familiari: la mamma Raffaella, il papà Sandro e i fratelli Gianluca e Francesco. Silvano Bernardi, Presidente dell'Ori Tarzo, ricorda Nicola con queste parole: «Non vorrei sembrare retorico, ma era un ragazzo d'oro. Sempre in prima fila quando organizzavamo qualche cosa. Lui e la sua famiglia erano entrati a far parte del mondo dell'Orienteering da 3-4 anni ed erano dei trascinatori. Sono sconvolto». 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Camion con mucche e tori si rovescia, caos sulla bretella

  • Adriano Panatta sposa a 70 anni l'avvocato trevigiano Anna Bonamigo

  • Covid-19, in quarantena una classe del Leonardo da Vinci e una della materna di Cimadolmo

  • Eletto "il Babbo più Bello d'Italia 2020", premiato anche un papà trevigiano

  • Truccavano gli esami di guida, autoscuola trevigiana nella bufera

  • Diocesi di Treviso, nominati i nuovi sacerdoti della provincia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrevisoToday è in caricamento