rotate-mobile
Mercoledì, 1 Dicembre 2021
Attualità Centro / Via Roma

Treviso invasa dai No Green Pass: cinquemila persone in corteo

Domenica 24 ottobre i manifestanti hanno sfilato dalla stazione dei treni alle Mura di Treviso. Cori e insulti contro Draghi e Speranza, Ave Maria recitata in coro al termine della manifestazione

Treviso invasa dai "No Green Pass": domenica 24 ottobre, nel giorno in cui era stata indetta la domenica ecologica (con accesso vietato alle auto dentro le Mura), il corteo contro la certificazione verde ha portato in città almeno 5mila persone.

No Green Pass: corteo Treviso

Numeri che nemmeno gli organizzatori sembravano aspettarsi. Il corteo era stato organizzato a sostegno dei lavoratori del porto di Trieste e in segno di protesta contro l'obbligo di Green Pass nei luoghi di lavoro.Una mobilitazione autorizzata nei giorni scorsi dalla Prefettura di Treviso, sollevando non poche perplessità da parte del sindaco, Mario Conte. Alla chiamata sui social hanno risposto in tantissimi: il corteo si è radunato nel pomeriggio di domenica 24 ottobre in Via Roma, a pochi passi dalla stazione dei treni di Treviso. La partenza è avvenuta poco dopo le ore 16: cori e insulti contro Draghi e Speranza non si sono fatti attendere. Il fiume di manifestanti ha iniziato a dirigersi verso le Mura di Treviso con striscioni e immagini sacre portate in corteo dai manifestanti. Nelle prime file i manifestanti hanno fatto sfilare bambini e ragazzi, invitando più volte le forze dell'ordine a non sparare contro il corteo. Scontri violenti come quelli visti a Trieste nei giorni scorsi non ce ne sono stati. Il fiume di manifestanti ha percorso Corso del Popolo, Piazza della Vittoria, Via San Nicolò ed è arrivato infine sulle Mura medievali della città. Tensioni all'arrivo del corteo a Porta SS. Quaranta dov'era in corso il mercatino di Borgo Cavour. Alcuni presenti hanno invitato i manifestanti a vaccinarsi, venendo riempiti di offese e insulti. Sul piccolo palco del Bastione San Marco il comizio dei No Green Pass con la portavoce Elisabetta Uccello (ex CasaPound). Tanti applausi e soprattutto numerose preghiere recitate in coro dai manifestanti con un'Ave Maria recitata dal palco a concludere un evento destinato a far discutere ancora per diversi giorni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Treviso invasa dai No Green Pass: cinquemila persone in corteo

TrevisoToday è in caricamento