Venerdì, 30 Luglio 2021
Attualità

Pensionati Cisl nel mirino dei no vax: scatta la denuncia

Decine di commenti con minacce e insulti sulla pagina Facebook della Fnp Veneto. Il commento di Vanna Giantin: «Continueremo con ancora più determinazione»

Polizia postale

Da venerdì 5 febbraio i commenti contro la Fnp Veneto, accusata di "truffa" e di "propaganda nazisanitaria", hanno superato i 210 per attestarsi stamattina a 195, ma verosimilmente ce ne saranno ancora.

Tutti sotto il post del 28 gennaio sulla pagina Facebook del sindacato dei pensionati Cisl, che annunciava l'inizio della campagna di informazione pro vaccini anti Covid #vacciniamogliAnzianidelVeneto. Un vero e proprio attacco dei no vax, organizzato e sistematico, che è ora oggetto di denuncia alla Polizia postale. L'attacco alla pagina Facebook della Fnp Veneto segue quello identico contro la Cisl Veneto: decine e decine di commenti che ripetono tre format testuali e un'infografica, e tutti i profili degli "assalitori virtuali" caratterizzati dalla "W" rossa. Che siano tutte persone reali o ci siano anche bot di mezzo, poco importa: la Fnp non ha cancellato i commenti, li ha solo nascosti per consentire alla Polizia postale di fare il proprio lavoro.

sequenza-2

«Con una punta d'ironia, vien da dire che questi no vax se la prendono comoda: ci hanno messo una settimana a scoprire la nostra campagna. E il fatto che alcuni commenti siano stati cancellati, da loro e non da noi, dimostra anche la loro coda di paglia - il commento di Vanna Giantin, segretaria generale Fnp Veneto. «È un attacco che non ci spaventa minimamente - continua - il vaccino è l'unico strumento che abbiamo, soprattutto noi anziani, per difendere la nostra vita e quella degli altri, inclusi anche i no vax. E la nostra campagna è rivolta proprio agli indecisi: la continueremo con ancor più determinazione». Se il calendario, infatti, dipende dall'effettiva disponibilità delle dosi, rispondere alla chiamata dell'Ulss deve essere un atto consapevole. Conclude Giantin: «Abbiamo messo in campo tutte le nostre risorse di comunicazione per questo progetto: 200 commenti dei no vax sono nulla, per esempio, a confronto degli oltre 1.500 accessi positivi alle news sui vaccini che abbiamo avuto sul nostro sito dall'inizio della campagna. Per non parlare delle telefonate che noi e le nostre strutture territoriali riceviamo tutti i giorni».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pensionati Cisl nel mirino dei no vax: scatta la denuncia

TrevisoToday è in caricamento