menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Crollo delle vaccinazioni contro il papilloma virus: «La colpa è dei no vax»

A dirlo è Alessandra Moretti, consigliera regionale del Partito Democratico, preoccupata per i dati diffusi dall'Ulss 2 di Treviso sul calo delle vaccinazioni in provincia

«La prevenzione è fondamentale e si fa vaccinandosi. Purtroppo la propaganda No vax è stata affrontata con superficialità dalla Regione, che in più di un’occasione ha addirittura fatto da sponda a pericolosi ciarlatani e ai loro seguaci. Adesso raccogliamo i frutti di quella semina. L’allarme della Ulss 2 sul crollo delle vaccinazioni per il papilloma virus va preso molto seriamente».

Alessandra Moretti, consigliera regionale del Partito Democratico, commenta preoccupata i dati forniti dall’Azienda sociosanitaria della Marca Trevigiana, che mostrano un calo nella copertura di ben 17 punti in pochi anni, dal 76 al 59%. «È l’unica forma di prevenzione contro il tumore al collo dell’utero, trovo incredibile che le madri facciano le mammografie e poi non vaccinino le proprie figlie. Occorrono campagne informative a tappeto, far conoscere i rischi che si corrono. Sui vaccini però la Regione ha sempre mantenuto una linea colpevolmente ambigua, combattendo il Decreto Lorenzin e rivendicando la bontà della scelta veneta della non obbligatorietà per i bambini. Una scelta che ha provocato una drastica diminuzione, con i tassi di copertura che in alcune zone del Veneto sono scesi ben al di sotto della soglia di sicurezza. L’obbligo va mantenuto e rafforzato, portando contemporaneamente avanti una battaglia culturale, affinché si capisca anche l’importanza di vaccinazioni non obbligatorie come quella contro il papilloma virus» conclude Moretti.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento