menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La mobilitazione delle lavoratrici davanti alla sede di Treviso

La mobilitazione delle lavoratrici davanti alla sede di Treviso

La Nostra Famiglia sospende il cambio dei contratti di lavoro

I nuovi contratti di lavoro saranno applicati, per il momento, solo ai dipendenti assunti dal 1 febbraio 2020 in avanti. Tutti gli altri potranno, per ora, mantenere i vecchi

Martedì 18 febbraio si è svolto a Roma l’incontro tra i vertici de La Nostra Famiglia e le organizzazioni sindacali sulla variazione dei contratti di lavoro, comunicata con una lettera dell'azienda ai lavoratori lo scorso 27 gennaio.

In un clima di reciproco ascolto e confronto, durante l’incontro il consiglio di amministrazione de La Nostra Famiglia, tenuto conto di quanto ipotizzato dalle organizzazioni sindacali dei lavoratori nell’incontro dello scorso 11 febbraio sul finanziamento del costo del lavoro da parte delle Regioni, ha deciso di approfondire ulteriormente le reali modalità con cui le regioni daranno corso a tali finanziamenti e di valutarne l’effettivo impatto sui costi, senza con ciò cambiare la decisione presa. Tale approfondimento però avverrà in un periodo di temporanea sospensione dell’applicazione, ai dipendenti già assunti alla data del 31 gennaio 2020, del Contratto di lavoro per il personale dipendente da residenze sanitarie assistenziali e centri di riabilitazione.

Al personale assunto dal 1 febbraio 2020 compreso, ed a quello cui è stato modificata l’originaria durata del contratto di lavoro verrà invece applicato il CCNL sopra richiamato, fermo restando che una eventuale soluzione che coinvolgesse l’intero comparto avrà valore generalizzato. Tale ultima precisazione è a conferma che la sospensione, nel momento in cui verrà revocata, e fatti salvi ovviamente accordi diversi, determinerà l’effetto del ripristino dell’applicazione, ai dipendenti in forza alla data del 31 gennaio 2020, del CCNL per il personale dipendente da residenze sanitarie assistenziali e centri di riabilitazione dalla sua originaria decorrenza del 1 febbraio 2020.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Cronaca

    Coniglietto intrappolato nel camino: salvato dai pompieri

  • Eventi

    La lotta alla Mafia di Falcone e Borsellino raccontata da Pietro Grasso

  • Attualità

    Premio “Giuseppe Mazzotti” Juniores: prorogata la scadenza del bando

Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento