menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La nuova rotatoria

La nuova rotatoria

Rotatoria tra via Roma e via Galilei a Montebelluna: pedoni più sicuri

Era un intervento auspicato da molti cittadini che troverà concretizzazione effettiva dopo la prossima acquisizione da parte del Comune. Nei prossimi mesi, infatti si andrà alla progettazione esecutiva e poi all’avvio del cantiere»

La giunta comunale di Montebelluna ha approvato ieri il progetto di fattibilità tecnica ed economica dei lavori di messa in sicurezza e miglioramento della viabilità del tratto di rotatoria tra via Roma, via Galilei, via Sansovino e via Bergamo.

Come si ricorderà un autobus della Mom, alla fine del 2015, aveva abbattuto un pezzo di muro di uno degli immobile a ridosso della rotatoria. Grazie ad un accordo urbanistico l’immobile è stato in seguito abbattuto e la proprietà è addivenuta del Comune che ha come obiettivo migliorare l’innesto viario. Un miglioramento che l’amministrazione comunale intende perseguire spostando un po’ più a nord l’innesto di via Galilei che al momento risulta a ridosso dell’innesto di via Bergamo che proviene da sud creando così interferenza.

«Ho il dovere di ringraziare la famiglia proprietaria dell’immobile - spiega il Sindaco Marzio Favero -  perché si è resa disponibile fin da subito alla trattativa col Comune. Si tratta di un’operazione che ci consentirà di migliorare la sicurezza non solo per le auto, con un innesto più razionale alla rotatoria, ma anche per i pedoni che saranno serviti da un nuovo tratto di marciapiede. Era un intervento auspicato da molti cittadini che troverà concretizzazione effettiva dopo la prossima acquisizione da parte del Comune. Nei prossimi mesi, infatti si andrà alla progettazione esecutiva a e poi all’avvio del cantiere». 

A questo si aggiunge anche il miglioramento che interesserà i pedoni, visto che nell’ultimo tratto ad est della rotatoria, manca un tratto di marciapiede sia a nord che a sud dell’asse stradale per cui i pedoni che provengono da Galilei in direzione di via Roma o via Bergamo sono costretti a percorrere l’ultimo tratto lungo il ciglio stradale.

Per risolvere il problema l’amministrazione comunale ha deciso di acquisire una abitazione a sua volta a ridosso di quella già abbattuta, così da poter procedere anche al suo abbattimento per ricavare uno spazio utile per un tratto di marciapiede. Con l’approvazione del progetto preliminare avvenuta giovedì, la giunta prevede questa operazione per cui il Comune, in accordo la famiglia proprietaria del secondo immobile, andrà nei prossimi giorni a sottoscrivere un accordo bonario.


 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento