Mom: nuovi bus e servizi per la zona del Vittoriese

Avviato un importante tavolo tecnico per potenziare il trasporto pubblico fino alla piazza di Cappella Maggiore coinvolgendo anche il Comune di Sarmede. Via libera dall'azienda

Mercoledì mattina, 9 gennaio, nella sede municipale di Cappella Maggiore si sono incontrati: il sindaco Vincenzo Traetta, il vicesindaco di Vittorio Veneto, Alessandro Turchetto, il portavoce del “Nuova Voce”, i membri della minoranza consiliare di Cappella Maggiore e una delegazione tecnica di Mobilità di Marca, guidata dal direttore generale Giampaolo Rossi.

All'ordine del giorno dell’incontro, la richiesta di potenziare il servizio di trasporto pubblico fino alla piazza di Cappella Maggiore, formulata a Mom anche attraverso una raccolta firme promossa dal comitato giovanile “Nuova Voce”. Nel corso dell’incontro si sono esaminate nel dettaglio le richieste e le possibilità di modifica al servizio di trasporto pubblico.  E’ stato quindi individuato un percorso condiviso attraverso la creazione di un tavolo di lavoro, allargato da subito all'amministrazione comunale di Sarmede. «Da parte di Mom non vi sono preclusioni – ha affermato il direttore generale Rossi - se non dettate da ragioni tecniche e di sostenibilità economica. Abbiamo dato massima disponibilità a rispondere le esigenze di mobilità del territorio e a riformulare il trasporto pubblico nelle aree al momento poco servite. L’obiettivo è arrivare ad una sperimentazione di trasporto cadenzato che abbia come polo attrattore il centro di Vittorio Veneto, nodo nevralgico per i giovani clienti, e non solo, che hanno bisogno di un trasporto sempre più intermodale». «L’avvio del tavolo tecnico – ha aggiunto il sindaco Traetta - rappresenta un importante passo in avanti. Sul piano tecnico è stata valutata la realizzazione di un servizio suburbano cadenzato, non tanto quindi l’estensione dell’attuale “Boomerang”. L’intenzione è di avviare la sperimentazione per il prossimo anno scolastico, ad inizio settembre, nell'ottica di misurarne i benefici e l’effettiva necessità per il territorio». Le tempistiche: il tavolo lavorerà da subito e in marzo ci si troverà nuovamente per analizzare le proposte tecnico-economiche. Saranno sviluppati più scenari e condotta una analisi sul flusso passeggeri nell’area in modo da trasformare in realtà un progetto atteso da molto tempo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Remo Sernagiotto ricoverato al Ca' Foncello: «Condizioni disperate»

  • Zaia, nuova ordinanza: «Capienza ridotta in negozi e centri commerciali»

  • Malore improvviso al rifugio: 62enne muore tra le braccia della compagna

  • Metodo Bianchini: come perdere peso senza rinunce

  • Guida Michelin 2021: i ristoranti stellati nel trevigiano

  • Schianto tra camion, chiuso il tratto Portogruaro-San Stino della A4

Torna su
TrevisoToday è in caricamento