Nuovo Dpcm, Speranza: «Asporto fino alle 18, musei aperti in zona gialla»

Il ministro della Salute è intervenuto mercoledì mattina alla Camera: confermato lo stop agli spostamenti tra Regioni diverse, "stato di emergenza" prorogato al 30 aprile

Il ministro Speranza in Parlamento

Il Ministro della Salute Roberto Speranza questa mattina, mercoledì 13 gennaio, ha parlato alla Camera dei deputati per presentare il nuovo Dpcm. Il ministro ha sottolineato che le prossime saranno «settimane durissime», poiché «il virus potrà tornare a colpirci duramente e dovremo anche fronteggiare un'epocale campagna di vaccinazione». Quindi l'appello a «tenere fuori la salute degli italiani da vere o presunte tensioni elettorali».

Analizzando quindi i dati dell'ultimo monitoraggio della Cabina di regia, il ministro Speranza ha spiegato: «Si osserva un evidente peggioramento della situazione, aumentano contemporaneamente l'Rt, l'incidenza, il tasso di occupazione delle terapie intensive e i focolai di origine sconosciuta. Siamo ad un nuovo cambio di fase, l'epidemia è in una nuova fase espansiva». In riferimento al prossimo Dpcm in via d'adozione da parte del governo, ha pertanto dichiarato: «Quando tutti i parametri peggiorano contemporaneamente, abbiamo l'obbligo di prendere nuove misure proporzionali al rischio di una diffusione incontrollata dell'epidemia. Per le ragioni esposte, il Governo ritiene prima di tutto necessario prorogare fino al 30 aprile lo "Stato di emergenza" che scade il 31 di gennaio. Nella giornata di lunedì abbiamo anche avviato con le Regioni il lavoro di stesura del nuovo Dpcm che sostituirà quello in scadenza il 15 di gennaio. Nel nuovo decreto prevediamo una conferma delle misure fondamentali già vigenti e del modello per fasce differenziate. È inoltre intenzione del Governo confermare il divieto di spostamento tra Regioni anche in zona gialla, ridurre gli assembramenti negli spazi antistanti i locali pubblici a rischio di aggregazione attraverso la limitazione dell'asporto per i bar a partire dalle 18, confermare l'indicazione di poter ricevere a casa massimo due persone non conviventi come già avvenuto durante le vacanze di Natale e stabilire l'ingresso in area arancione di tutte le Regioni a "rischio alto" secondo i 21 parametri». Resta da comprendere se, leggendo il testo del nuovo Dpcm, la misura sul divieto d'asporto dalle ore 18 riguarderà tutti i locali del settore ristorazione, quindi anche ristoranti e pizzerie ad esempio, oppure se, come si è espresso il ministro, avrà esclusivo riferimento ai "bar".

Il ministro della Salute ha poi confermato l'introduzione della nuova area di rischio, la cosiddetta "zona bianca", ma ha anche annunciato la riapertura contingentata dei musei in zona gialla: «È inoltre intenzione del Governo - ha dichiarato il Ministro - stabilire una quarta area, oltre a quelle rosse, arancioni e gialle: un'area bianca che potrà scattare solo con livelli epidemiologici molto bassi, incidenza settimanale sotto i 50 casi ogni 100mila abitanti, Rt sotto 1 e indice di rischio basso. In questa area le limitazioni saranno relative solo al distanziamento ed all'utilizzo delle mascherine. È difficile che questa area possa scattare nel breve, ma iniziamo ad indicare un "percorso di speranza" per i mesi a venire. Con lo stesso spirito, - ha concluso il ministro della Salute - è intenzione del Governo in area gialla riaprire i musei come luogo simbolico della cultura nel nostro Paese».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, Zaia: «Zona arancione in Veneto durerà un paio di settimane»

  • Veneto zona arancione per un'altra settimana: «Penalizzati dall'ospedalizzazione»

  • Lascia un messaggio al bar: «Grazie, ho vinto quasi due milioni di euro»

  • Covid: l'intestino può essere responsabile della gravità e della risposta immunitaria

  • Il papà più bello d'Italia? Ha 34 anni, è trevigiano ed è gay

  • Dimagrire velocemente: che cos'è la dieta del riso

Torna su
TrevisoToday è in caricamento