menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto tratta da Google Immagini

Foto tratta da Google Immagini

Mogliano Veneto: al via il progetto per riqualificare Piazza donatori di sangue

Importante decisione presa dalla giunta comunale nelle scorse ore. Sarà uno spazio multifunzionale per il mercato del pesce e ortofrutticolo con nuovi parcheggi e un'area pedonale

MOGLIANO VENETO Ridare un'identità e un carattere allo spazio funzionale di Piazza Donatori di Sangue, oggi deteriorato dal tempo e dall’utilizzo di molti anni, ricollegandosi al sistema pedonale del centro storico ed al nuovo parco in realizzazione nell'area ex-Macevi.

Con questo obiettivo è stata avviata nelle scorse ore la riqualificazione dell’intera piazza, per la quale la Giunta comunale ha approvato nell’ultima seduta il progetto di fattibilità tecnica ed economica, redatto dallo Studio Made Associati Architettura. “Piazza Donatori di Sangue continuerà ad assolvere anche in futuro le sue attuali funzioni, con l'area destinata a parcheggio, un'area destinata al mercato giornaliero del pesce e ortofrutticolo, attrezzata con pensiline e banchi fissi, e gli spazi per il mercato comunale settimanale del lunedì. Ma lo farà con strutture più funzionali e dignitose di quelle attuali più adeguate al secolo scorso che all’oggi, dando più spazio ai pedoni e in continuità con la nuova conformazione che il centro storico sta assumendo grazie ai molteplici interventi in atto. Completeremo, con questa riqualificazione i cui costi saranno in parte sostenuti dal privato che sta operando nell’area ex Macevi, un altro importante tassello della riqualificazione complessiva del centro moglianese”, ha dichiarato il sindaco Carola Arena.

Tenendo conto delle molteplici funzionalità dello spazio, parcheggio, area di sosta, diverse configurazioni mercatali durante i giorni della settimana, si è cercato di definire uno spazio aperto, omogeneo e libero da eventuali ostacoli. Lo spazio a parcheggio è stato definito con semplici segni a terra, che configurano il disegno e pattern della totalità della piazza. All'interno di questo spazio libero sono state identificate delle isole – bolle con funzioni precise: un'isola per il mercato giornaliero del pesce coperto, un'isola per la sosta, e due isole verdi che preservano gli alberi esistenti, tre grandi platani rimasti in vita, e ne integrano di nuovi. La disposizione di queste isole è stata progettata in modo da ottimizzare gli spazi di circolazione, garantendo la possibilità di parcheggio e la disposizione dei vari venditori ambulanti nel giorno di mercato. La definizione dello spazio della piazza prevede di eliminare l'attuale via Gris e di estendere lo spazio pedonale sino al fronte Nord, dove è prevista la demolizione degli edifici fatiscenti esistenti e la ricostruzione di un edificio porticato, con un fronte commerciale-vetrato in affaccio sulla nuova superficie della piazza. In continuità con il carattere pedonale del centro storico, anche il percorso proveniente dal parco Ex-Macevi trova nel progetto una sua prosecuzione e punto di arrivo all'interno della piazza.

Nel dettaglio: l'area di sosta, che offre 63 posti auto tra i quali saranno dedicati degli stalli ai disabili, è stata collocata nella porzione sud. Le isole verdi definiranno aree di sosta visuale, interrompendo l'uniformità dello spazio a parcheggio ed offrendo ombra alle aree adiacenti. Lo spazio del mercato coperto sarà attrezzato con sei postazioni per la vendita del pesce, composte di banco di vendita refrigerato fisso e banco di lavorazione con lavabo e predisposizione elettrica. Queste postazioni saranno utilizzate tutte i giorni della settimana da un numero variabile di rivenditori. Si prevede di fornire copertura e allacciamenti idrico ed elettrico anche a parte del mercato ortofrutticolo come pure delle postazioni coperte per i rivenditori locali (senza furgone) e uno spazio scoperto a disposizione per altri rivenditori. La piazza sarà attrezzata con 8 torrette elettriche a scomparsa, per servire in modo completo le attività mercatali. Per quanto riguarda i materiali, il progetto prevede per l'area adibita a parcheggio e mercato settimanale una pavimentazione tecnica tipo idro-drain, un calcestruzzo armato carrabile ed altamente drenante. Le linee che disegnano e definiscono lo spazio degli stalli saranno realizzate con dei cordoli stradali rettificati. Per garantire un corretto smaltimento delle acque, definire frontalmente gli spazi a parcheggio e contenere i dispositivi di fornitura idrica ed elettrica a scomparsa (necessari per le attività mercatali), vengono proposte delle fasce in grigliato carrabile antitacco. Le isole del mercato e di sosta, vista la maggiore usurabilità dello spazio e la necessità costante di lavaggio delle superfici verranno realizzate in lastre di trachite; la superficie del mercato avrà inoltre una piccola pendenza in modo da facilitare ulteriormente le operazioni di lavaggio. Le fasce di delimitazione delle isole dalla superficie in cemento drenante verranno realizzate in lastre metalliche tipo corten, posizionate a raso terra in continuità con la pavimentazione, tranne nei punti dove definiscono le aiuole verdi.

Il principale dispositivo di arredo urbano previsto è la copertura dell'isola designata ad ospitare il mercato giornaliero del pesce. Il progetto prevede di realizzare una copertura leggera con sostegni su pilastri realizzata con dispositivi modulari. La struttura principale sarà in metallo mentre la chiusura di copertura in pannelli opachi. Il sistema di pensiline permette di proteggere dal sole e dalle intemperie l'area mercato sottostante. L'illuminazione sarà integrata alla struttura di sostegno e realizzata con fasce led. L'isola di sosta sarà attrezzata con una panca, in prosecuzione con la fascia che definisce il perimetro dell'isola stessa e all'interno dello spazio verranno inoltre collocate delle sedute in metallo fisse e resistenti, organizzate a gruppetti in modo da favorire diversi tipi di socialità. L'illuminazione della piazza prevede due diversi sistemi in relazione alle aree. Per i fronti Nord e Sud dispositivi testa palo collocati linearmente con passo regolare, per garantire un'illuminazione omogenea dello spazio. Per l'area centrale si prevede l'installazione di tre corpi illuminanti su palo dotati di molteplici punti luce per accentuare i fasci luminosi su determinate porzioni della piazza.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Covid, Zaia: «Veneto rischia di tornare in zona arancione»

Alimentazione

Dinner cancelling la dieta di Fiorello: come funziona

Aziende

Migliori parrucchieri d'Italia: ecco i trevigiani al top

social

Le voci più belle del Festival di Sanremo sono venete

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento