rotate-mobile
Martedì, 23 Aprile 2024
Attualità Resana

Oca di 30 anni non riesce più a camminare, il paese si mobilita per salvarla

L'oca Koink è per molti un simbolo di Resana ma ora un problema di salute ad una zampa rischia di costarle la vita. I proprietari hanno lanciato un appello per curarla

Resana rischia di dover dire addio all'oca Koink, trent'anni d'età, un record di longevità per la sua specie. Un problema di salute ad una zampa impedisce all'animale di camminare ormai da tempo e, se non sarà curata al più presto, Koink rischia di morire.

Come riportato da "La Tribuna di Treviso", la famiglia Cagnin proprietaria dell'animale si è mobilitata in questi giorni per trovare qualcuno che possa curare l'oca. Affezionatissima e inseparabile dal suo proprietario, Adelino Cagnin (morto nel 2008), l'oca maschio Koink gli era sempre stata vicino, accompagnandolo nei campi e facendogli compagnia dentro casa, standogli vicino sul divano dove Adelino guardava la televisione. Oggi a prendersene cura ci sono la moglie di Adelino e il figlio Stefano insieme al fratello e alla sorella.

WhatsApp Image 2023-03-10 at 13.13.50 (1)

Cinque anni fa i primi problemi di salute: a causa della presenza di topi nella stalla, Koink si era ammalato ma, nonostante l'età, era riuscito a riprendersi e tornare in salute. Dopo l'inizio della pandemia  Covid aveva iniziato ad uscire sempre meno dalla stalla, affaticato dagli acciacchi dell'età, fino a quando l'anno scorso non è rimasto impigliato con la zampa nella recinzione della stalla e da lì non è più riuscito a muoversi in autonomia. Oggi Koink riesce solo ad alzarsi da terra per pochi secondi ma non a muoversi, la famiglia Cagnin assiste l'oca ogni giorno dentro la stalla. L'animale andrebbe però visitato da una specialista per capire se il problema sia risolvibile, da qui l'appello per trovare un esperto in grado di visitare l'oca e capire cosa fare per aiutarla.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Oca di 30 anni non riesce più a camminare, il paese si mobilita per salvarla

TrevisoToday è in caricamento