menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Oncologia a Oderzo: «I locali saranno ampliati e l'organico rinforzato»

A dirlo è Stefano Lamon, primario del reparto dell'ospedale opitergino, dopo le polemiche emerse nei giorni scorsi sui pochi spazi a disposizione dei pazienti dell'unità operativa

Dopo le polemiche delle scorse ore sulla scarsa capienza del reparto di Oncologia dell'ospedale di Oderzo, il primario dell’unità operativa di Oncologia, Stefano Lamon, ha voluto precisare quanto segue: 

 «Va innanzitutto sottolineato che a volere fortemente l’unità operativa di Oncologia ad Oderzo è stato il dottor Benazzi. Il direttore generale l’ha attivata per dare l’opportunità ai pazienti dell’opitergino mottense di avere un punto di riferimento per le terapie oncologiche vicino a casa. Prima i disagi per molti di loro, costretti a fare riferimento a Treviso, erano notevoli. Siamo consapevoli che il reparto ha bisogno di adeguamenti, conosciamo perfettamente gli ambiti su cui è necessario intervenire e lo stiamo facendo. 

Per quanto riguarda i locali - anticipa Lamon - già dal prossimo mese partiranno i lavori di adeguamento e ampliamento che ci consentiranno di mettere a disposizione dei pazienti spazi più confortevoli sia per l’attesa che per le visite le terapie. Non solo, le postazioni per l’effettuazione delle chemio saranno più che raddoppiate: passeranno, infatti, dalle quattro attuali a dieci”. Sul fronte del personale, invece, è previsto, sempre ad aprile, l’arrivo sia di un nuovo medico – la dottoressa Babare -  sia di due infermieri. Per l’assunzione di questi ultimi si è dovuta attendere la conclusione del concorso regionale e ora l’Ulss sta procedendo. Ai pazienti chiedo quindi di sopportare qualche piccolo disagio legato all’attuale situazione e ai futuri lavori, considerato che nel giro di poco tempo a disposizione un Reparto di Oncologia ampio, attrezzato e confortevole in day hospital, adeguato alla fragilità dei nostri pazienti». Nei primi cinque mesi di operatività del 2018 il servizio di Oncologia di Oderzo ha effettuato 1.250 visite e 745 terapie infusive.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Casa

Ammoniaca vs Candeggina: chi uccide meglio i germi?

social

Tre pasticcerie trevigiane in sfida a Cake Star

Attualità

Roncade: messo in vendita il centro commerciale Arsenale

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Meteo

    Caldo anomalo nella Marca: «Da sabato temperature in calo»

  • Aziende

    «Positiva la scelta di istituire un ministero per la disabilità»

Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento