Operai della "Pedemontana" donano un'ora di stipendio all'Oncologia di Oderzo

Una cinquantina di lavoratori del cantiere della superstrada hanno deciso di ricordare in questo modo Alessandro Marcato, scomparso lo scorso settembre. Raccolti quasi 1500 euro

Alessandro Marcato

Un'ora del proprio stipendio per il potenziamento del reparto di Oncologia nell'ospedale di Oderzo. Iniziativa spontanea di solidarietà da parte di una cinquantina di dipendenti della Sis impiegati nel cantiere della Superstrada Pedemontana Veneta.

La raccolta fondi, tramite la donazione di un’ora di paga, è stata effettuata dai lavoratori in onore di Alessandro Marcato, segretario della Filca Cisl Belluno Treviso mancato lo scorso settembre all’età di 59 anni nella sua casa di Noventa di Piave dopo una lunga malattia. Gli operai hanno raccolto e donato all’azienda socio-sanitaria trevigiana poco meno di 1.500 euro da destinare al reparto oncologico di Oderzo, che ha avuto in cura il sindacalista Cisl per molto tempo. Nei giorni scorsi, inoltre, anche il Consiglio generale della Filca territoriale ha ricordato Marcato, sindacalista fra i più conosciuti e stimati della Federazione di categoria dell’edilizia e del legno, da sempre in prima linea nella difesa della sicurezza dei lavoratori e bravissimo contrattualista. «Un amico sincero, generoso, disponibile, un sindacalista appassionato, sempre a disposizione dei lavoratori, molto presente e comprensivo: ci manca e continuerà a mancarci per lungo tempo» conclude il Segretario generale della categoria, Marco Potente.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, Zaia: «Zona arancione in Veneto durerà un paio di settimane»

  • Veneto zona arancione per un'altra settimana: «Penalizzati dall'ospedalizzazione»

  • Lascia un messaggio al bar: «Grazie, ho vinto quasi due milioni di euro»

  • Covid: l'intestino può essere responsabile della gravità e della risposta immunitaria

  • Dimagrire velocemente: che cos'è la dieta del riso

  • Gennaio 1985 la nevicata del secolo: il grande freddo a Treviso

Torna su
TrevisoToday è in caricamento