menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto d'archivio

Foto d'archivio

Osteria friulana vieta il Prosecco: «E' solo un vino di moda»

L'iniziativa è dell'Osteria di Ramandolo, in provincia di Udine, che ha deciso di escludere ogni tipo di Prosecco dalla sua cantina per fare posto solo a vini friulani

"Locale deprosecchizzato", si chiameranno così le osterie che da oggi decideranno di non servire più nessun tipo di Prosecco ai loro clienti. L'iniziativa, pronta a scatenare le polemiche di tantissimi produttori trevigiani, è partita dall'osteria di Ramandolo, nel comune di Nimis in provincia di Udine.

deprosecchizzato-2-2

Da un anno a questa parte ormai, l'osteria friulana ha deciso di non tenere più nessun tipo di Prosecco nella sua cantina e ora, per rincarare la dose, dalla semplice presa di posizione si è arrivati a un vero e proprio manifesto ideologico, con tanto di logo per pubblicizzare “l’ambiente deprosecchizzato”. L’iniziativa è stata comunicata sulla fanpage del locale, con un post che non lascia spazio a interpretazioni. Niente più vino “di moda” quindi, ma solo attenzione al territorio e ai vini prodotti in Friuli che saranno gli unici a essere serviti da oggi in avanti nell'osteria anti-Prosecco. Questo il messaggio pubblicato su Facebook dai titolari del locale:

«Come ormai sapete, circa un anno fa abbiamo fatto una scelta che qualcuno forse ha giudicato estrema o quantomeno “controcorrente”: abbiamo completamente escluso dalla nostra cantina il Prosecco in tutte le sue denominazioni per concentrarci sulla promozione di spumanti di qualità prodotti nella nostra regione. Non ce ne vogliano i produttori di prosecco, ma c’è un enorme differenza qualitativa tra un vino che rifermenta velocemente in autoclave per un paio di mesi ed al quale bisogna lasciare un notevole residuo zuccherino per “mascherarne” l’acidità e uno spumante che rifermenta piano, piano in bottiglia per almeno un anno e mezzo (a volte anche 5 anni e oltre!) e che non ha bisogno di “trucchetti zuccherini” per esprimere la sua aroma e la sua persistenza! Abbiamo, se volete, la presunzione di pensare che chi fa il nostro mestiere non debba solo vendere solo ciò che va di moda, bensì abbia anche il compito di comunicare il proprio territorio e le sue eccellenze. Da queste convinzioni, con l’aiuto di Andrea Venier e in collaborazione con Gunnar Cautero de “L’Osteria Della Stazione L’Originale” di Milano, abbiamo sviluppato il logo LOCALE DEPROSECCHIZZATO / AMBIENT DEPROSECHIZÂT. In alto i calici …. Di spumante metodo classico, of course! Salute!»

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Casa

Ammoniaca vs Candeggina: chi uccide meglio i germi?

social

Tre pasticcerie trevigiane in sfida a Cake Star

Attualità

Roncade: messo in vendita il centro commerciale Arsenale

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Meteo

    Caldo anomalo nella Marca: «Da sabato temperature in calo»

  • Aziende

    «Positiva la scelta di istituire un ministero per la disabilità»

Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento