rotate-mobile
Venerdì, 23 Febbraio 2024
Attualità

Scontri tra centri sociali e forze dell'ordine, indagati anche due trevigiani

Diciotto attivisti del centro sociale Pedro. Due gli episodi: nel primo una pattuglia dei carabinieri è stata circondata da una quarantina di facinorosi, nel secondo dopo il sequestro di quattro appartamenti Ater otto componenti delle forze dell'ordine sono rimasti feriti

Diciotto indagati, sette ordinanze di custodia cautelare emesse dal Gip del tribunale di Padova a carico di altrettante persone indagate a vario titolo dei gravi reati di violenza e resistenza a pubblico ufficiale e lesioni personali ai danni di esponenti delle forze di polizia. Gli ispettori della Digos della Questura di Padova e dei carabinieri del Reparto Operativo Nucleo Investigativo hanno dato esecuzione ai provvedimenti che impongono l'obbligo di dimora nella provincia di Padova per quattro indagati, e l'obbligo di firma per gli altri tre. Le ordinanze hanno riguardato persone appartenenti all'area antagonista facenti parte dei centri sociali del Nord Est. Secondo l'accusa si sarebbero resi responsabili di diverse aggressioni ai danni di poliziotti e carabinieri. Tra i 18 denunciati vi sono 11 padovani, due trevigiani, un antagonista della provincia di Vicenza e 4 veneziani. Nelle perquisizioni effettuate all'alba spuntate anche tre pistole a salve. L'attività operativa è stata eseguita dagli agenti della Digos, guidata da Giovanni De Stavola, e del Nucleo informativo dell’Arma, sotto la supervisione del tenente Marco di Paolo.

Nelle perquisizioni sono spuntate anche armi

Il primo episodio

Nel corso del primo episodio una pattuglia dei carabinieri di Padova nella serata del 5 novembre scorso, durante un controllo in via Ticino ha notato un giovane uscire dalla parte posteriore di una Fiat Punto parcheggiata in strada. Ebbene, viste le circostanze e l'atteggiamento sospetto del ragazzo alla vista dell'autoradio, i militari l'hanno avvicinato per identificarlo, ma il sospettato ha tentato di fuggire prima di essere bloccato definitivamente. Durante le fasi dell'identificazione il ragazzo ha cominciato ad urlare e a dimenarsi per tentare di dileguarsi, ma allo stesso tempo per attirare l'attenzione di un gruppo di giovani che si trovava all'ingresso del centro sociale Pedro. Missione compiuta, in pochi istanti una quarantina di persone del centro sociale, con il volto travisato, ha accerchiato i due militari minacciandoli e aggredendoli fisicamente. Questo blitz ha costretto i due carabinieri della Radiomobile ad interrompere il controllo di polizia e ad allontanarsi. Nel corso della colluttazione, entrambi sono rimasti feriti. 

Il secondo episodio

Il 9 novembre durante le operazioni di sequestro preventivo di quattro appartamenti dell'Ater nel quartiere Palestro a Padova, occupati abusivamente da militanti del centro sociale Pedro, eseguito davanti agli uffici Ater dove si sono radunati numerosi esponenti dei centri sociali con una improvvisata e non autorizzata manifestazione, si sono registrati violenti scontri tra i militanti e le forze dell'ordine. Scontri che hanno portato al ferimento di 8 esponenti delle forze dell'ordine tra poliziotti e carabinieri. E' giusto sottolineare che le operazioni di sequestro preventivo dei quattro appartamenti era avvenuto su provvedimento emesso dell'ufficio giudiziario al termine di un'attività di indagine coordinata dalla Procura della Repubblica di Padova. 

Perquisizioni

Nelle prime ore del 31 gennaio, sono state eseguite anche 18 perquisizioni domiciliari a carico di altrettanti indagati. Le indagini sui due episodi del 5 e 9 novembre 2022 sono state eseguite nella piena collaborazione reciproca della DigosPolizia di Stato e del Reparto Operativo Carabinieri di Padova sotto il coordinamento della Procura della Repubblica patavina. Nel corso dell' operazione di polizia giudiziaria la Digos di Padova d'intesa con l'autorità gudiziaria ha sequestrato a carico di un attivista destinatario della misura dell'obbligo di dimora tre pistole tipo softair prive di dispositivi di sicurezza su cui sono in corso accertamenti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scontri tra centri sociali e forze dell'ordine, indagati anche due trevigiani

TrevisoToday è in caricamento