Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Otto anni dalla scomparsa di Mary, il video-messaggio dei genitori

Il caso, archiviato dalla Procura di Treviso, resta per ora avvolto nel mistero. Marianna Cendron oggi avrebbe 26 anni, manca da quel maledetto 27 febbraio 2013

 

Marianna Cendron è scomparsa il 27 febbraio del 2013 da Castelfranco Veneto. Non ha avuto un’infanzia facile Marianna; insieme a suo fratello, è stata a lungo in un orfanotrofio in Bulgaria, in cui venivano spesso deprivati anche di un semplice pasto. Ma i coniugi Cendron, avevano adottato e cresciuto i due fratellini nella loro casa in provincia di Treviso. Nel periodo della sua scomparsa, Marianna lavorava come assistente nella cucina della Golf club di Castelfranco Veneto, non lontano dalla struttura in cui viveva Michele, il suo fidanzatino studente dell'alberghiero e a volte Marianna si fermava a dormire da lui nel convitto dove alloggiava.

Ma da circa un mese, nella sua vita si era affacciata una figura ambigua: un 45enne a cui per mesi i Cendron avevano proibito di avvicinare la figlia, ma che era col tempo riuscito a catalizzare le attenzioni della ragazza, in un periodo di fragilità emotiva, tanto da spingerla a lasciare la casa dei genitori per trasferirsi a vivere da lui. Marianna viveva come oppressive le attenzioni dei suoi genitori, preoccupati per una forma di bulimia di cui soffriva e per cui la spingevano ad eseguire una terapia; cure a cui Marianna non voleva sottoporsi. Forse anche per questo aveva deciso di lasciare la propria casa per andare a vivere con quell’uomo strano.

La mattina Marianna percorreva metà strada in bicicletta e metà in autobus, per raggiungere il posto di lavoro e così fece anche la mattina del 27 febbraio, giorno della sua scomparsa. Durante l’orario di lavoro, aveva ricevuto una telefonata di Renzo dall'apparecchio fisso del ristorante. La sera poi aveva appuntamento con il fidanzato Michele, con cui avrebbe trascorso la notte. Alle 18,30, finito il suo turno di lavoro, aveva lasciato degli appunti al suo datore di lavoro, firmando il biglietto con "a domani". A casa c'erano tutti i documenti (carta di identità, tessera sanitaria e tessera elettorale) e pochi euro.

Marianna scompare insieme alla sua amata bicicletta bianca, nel tragitto che la separa da Castelfranco Veneto alla casa in cui abitava. Quella sera non è mai andata all'appuntamento con il fidanzato Michele, che invece di chiamare Marianna o i genitori, telefona al 45enne con cui la ragazza abitava. La notte in cui si perdono le sue tracce, tra mezzanotte e le due, uno dei due telefonini di Marianna aggancia una cella di via Carpani, nel parcheggio del centro commerciale "I Giardini del Sole" di Castelfranco Veneto. Nè il fidanzato Michele, né il convivente di Marianna dicono di aver avuto notizie della ragazza dal pomeriggio o di essere a conoscenza di un secondo cellulare. Vengono interrogati, ma mai indagati per la scomparsa. Che fine ha fatto Marianna insieme alla sua bicicletta? I suoi genitori se lo domandano ancora e in occasione dell’ottavo anno di ricerche per la sua scomparsa, lanciano un nuovo appello a chi può sapere qualcosa, o alla stessa Marianna.

Potrebbe Interessarti

Torna su
TrevisoToday è in caricamento