rotate-mobile
Lunedì, 6 Dicembre 2021
Attualità Paese

Paese, "no" del sindaco ai controlli del Comune sul Green Pass

Il primo cittadino Katia Uberti: «I sindaci, o quantomeno io, non si metteranno certamente a fare gli “sceriffi” dei gestori di bar e ristoranti al chiuso, o delle palestre, piscine e impianti per gli sport di squadra»

«I sindaci, o quanto meno io, non si metteranno certamente a fare gli “sceriffi” dei gestori di bar e ristoranti al chiuso, o delle palestre, piscine e impianti per gli sport di squadra». Lo ha detto oggi il sindaco di Paese Katia Uberti, intervenendo sul Green Pass deciso dal governo. 

«L'applicazione del cosiddetto “passaporto sanitario” agli eventi o nelle situazioni di grande affluenza ha indubbiamente una logica – ha detto Katia Uberti – ed è gestibile con i protocolli di sicurezza delle strutture che li ospitano. Ma il fatto che i gestori possano essere addirittura sanzionati qualora non riescano a verificare efficacemente non mi pare la strada giusta, tenuto conto che i controlli non sono proprio di semplice applicazione e potrebbero anche dare vita a possibili tensioni con il pubblico».

«Le istituzioni – ha concluso il sindaco di Paese – dovrebbero piuttosto muoversi con i cittadini, per esempio spiegando a chi non vuole sottoporsi alla vaccinazione ciò che questo può significare, confermando interventi “forti” sulle categorie ritenute essenziali»

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Paese, "no" del sindaco ai controlli del Comune sul Green Pass

TrevisoToday è in caricamento