Palio di Montebelluna, cancellazione rinviata: «Ci speriamo ancora»

Martedì 16 giugno l'incontro tra il sindaco Marzio Favero ed il presidente della manifestazione, Nicola Palumbo. Ripresi gli allenamenti degli atleti delle contrade

Il sindaco di Montebelluna, Marzio Favero, ha incontrato martedì mattina, 16 giugno, nel suo ufficio il presidente del Palio, Nicola Palumbo. I due hanno affrontato con serenità il tema dell’edizione 2020 del Palio e hanno convenuto di riaggiornarsi giorno dopo giorno al fine di valutare un’eventuale modifica dello scenario. Tale attesa non potrà comunque andare oltre il 15 luglio, per motivi organizzativi.

Al di là dei proclami sulla fase 2 o fase 3 post Covid-19, ad oggi le norme in vigore non consentono di realizzare manifestazioni che hanno come loro presupposto una grande aggregazione di persone. Il sindaco ha spiegato come non sia un problema di volere o non volere il Palio perché tutti in città, sindaco per primo, desiderano poter godere di una manifestazione che in 30 anni è diventata motore di aggregazione della comunità. «Qui il vero problema è se si possa o no organizzare un evento che ha le caratteristiche di gara sportiva con un  afflusso di 20mila persone lungo il percorso e con momenti di aggregazione in piazza legati agli spettacoli che, in ogni caso, attirano migliaia di persone». Palumbo ha sottolineato che condivide le preoccupazioni per la tutela della salute espresse dal sindaco e dall’Ulss 2. Ha spiegato che intende farsi interprete della passione delle contrade e degli equipaggi che, comunque, hanno il desiderio di tener viva una tradizione in un anno segnato sfortunatamente dalla pandemia, ma questo senza derogare dal rispetto delle norme sulla sicurezza.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Si è quindi convenuti sull’indirizzo espresso dal Coc, ovverosia che se, I Giovedì musicali non sono praticabili, anche per il Palio al momento non è possibile dare un parere favorevole. Tuttavia, gli atleti e le contrade continueranno a fare preparazione atletica, sia pure non con il carro, per rispettare le misure di distanza interpersonale di due metri e ci si ritroverà a metà luglio quando dovrebbero uscire nuove indicazioni sull’evoluzione epidemiologica e sulle misure cautelative da osservare. Quindi, come detto fin dall’inizio, uno spiraglio rimane aperto, ancorché sia sub iudice poiché l’emergenza sanitaria ancora non è stata superata e nè il Comune nè il direttivo del Palio intendono sottovalutare il problema. In ogni caso, qualora non fosse possibile effettuare il Palio nella sua interezza, si è convenuto sull’opportunità di non realizzare un’edizione a porte chiuse, perché andrebbe contro la cifra stessa de Palio che è una manifestazione per sua natura a porte aperte e che accoglie migliaia di montebellunesi e non, assieme a far festa. «Piuttosto ci si riserva di valutare iniziative di qualità per tener viva una fiammella dello spirito del Palio utile a garantirne una prosecuzione per i prossimi anni. In conclusione, l’accordo è che la salute viene prima di ogni altra cosa e che le condizioni, ad oggi, non consentono di organizzare l’evento: se la situazione dovesse modificarsi in positivo, ci si reincontrerà per valutare come e se organizzare l’evento». Nello spirito delle migliori tradizioni venete, l’incontro si è concluso con un Prosecco.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cade nelle acque del Sile, fugge in treno e lo ritrovano a Bassano

  • Oliviero Toscani: «Chi vota Zaia forse è ubriaco, anche i veneti diventeranno civili»

  • Grandine e vento forte, il maltempo torna a colpire la Marca

  • Tragedia di Merlengo, il 26enne aveva bevuto: indagato per omicidio stradale

  • Tragico schianto col furgone nella notte: 62enne muore a pochi metri da casa

  • Distributore di bevande trovato morto nel suo camion

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrevisoToday è in caricamento