Parcheggio selvaggio in riva al Piave, rabbia dei residenti: «E' vergognoso»

Nel fine settimana hanno suscitato rabbia e indignazione sui social le immagini delle auto arrivate fino in riva al Piave in zona Campagnole a Nervesa della Battaglia

Le auto in sosta "abusiva" vicino al Piave (Credits Mario Schiavinato‎ via Facebook)

Domenica al Piave per decine di residenti in provincia di Treviso. In tantissimi hanno scelto la zona Campagnole a Nervesa della Battaglia per qualche ora di svago e relax. La giornata al fiume è stata però accompagnata da una lunga scia di polemiche condivise sui social dopo la pubblicazione di una foto che ha fatto a dir poco discutere.

Nell'immagine si vedono diverse auto ferme in sosta a pochi metri di distanza dalla riva del Piave, dopo aver infranto ogni tipo di divieto di accesso e di sosta. Un comportamento che, se scoperto poteva essere sanzionato non solo con la multa ma anche con la rimozione del mezzo. Pur di evitare di fare due passi, in molti hanno scelto di muoversi in auto fino al greto del fiume. Molti Nervesani, esasperati, hanno invocato una segnalazione al 112, in modo tale che ai furbetti arrivasse a casa "una bella sorpresa". Non è la prima volta che si verificano episodi del genere. Alcuni cittadini riferiscono che molti bagnanti sono stati multati durante la settimana  per aver infranto i divieti di accesso e di sosta alla riva del Piave. Durante il fine settimana appena trascorso però molti automobilisti sono riusciti a farla franca. La zona è di competenza del Genio civile, non del Comune. Spetta dunque a loro far rispettare i divieti. In passato la Forestale aveva controllato l'area sanzionando i parcheggiatori ma, dopo gli episodi degli ultimi fine settimana, i controlli non sembrano più essere sufficienti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Veneto zona arancione per un'altra settimana: «Penalizzati dall'ospedalizzazione»

  • Lascia un messaggio al bar: «Grazie, ho vinto quasi due milioni di euro»

  • Il papà più bello d'Italia? Ha 34 anni, è trevigiano ed è gay

  • Covid: l'intestino può essere responsabile della gravità e della risposta immunitaria

  • Covid, un grafico divide l'Italia in province e Treviso finisce in "zona rossa"

  • Gennaio 1985 la nevicata del secolo: il grande freddo a Treviso

Torna su
TrevisoToday è in caricamento