Attualità

Parrucchieri abusivi a domicilio: sindaco su tutte le furie

A Riese Pio X alcuni barbieri abusivi avrebbero fatto circolare la voce che i tagli di capelli a domicilio fossero stati autorizzati dal Comune. Immediata la smentita

Negli ultimi giorni in municipio a Riese Pio X sono arrivate diverse segnalazioni di persone, professioniste e non, che stanno abusivamente svolgendo attività di acconciatura ed estetica direttamente nelle case dei concittadini. Inoltre i parrucchieri abusivi avrebbero messo in giro la voce che la loro attività a domicilio sarebbe stata autorizzata dal Comune.

Immediata la smentita del sindaco Matteo Guidolin, arrivata via Facebook nelle scorse ore: «Il Comune non ha dato alcuna autorizzazione per lo svolgimento di queste attività, contrariamente a quanto riportatoci da qualcuno. Facciamo presente che in questo momento tale attività è perseguibile non solo da un punto di vista fiscale ed amministrativo, ma anche e soprattutto penale. Tutto ciò, inoltre, rappresenta una grave mancanza di rispetto e un grande danno per tutti gli operatori del settore che stanno rispettando con serietà e grandi difficoltà le regole, ai quali vanno la nostra vicinanza e il nostro impegno per una riapertura quanto più rapida possibile» conclude il primo cittadino.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Parrucchieri abusivi a domicilio: sindaco su tutte le furie

TrevisoToday è in caricamento