Passaggio Tirindelli: l'area privata diventa ad uso pubblico

Lavori imminenti dopo l’abbattimento del diaframma tra via Silvio Pellico e piazza Oberkochen a Montebelluna. Il sindaco: «Inizia l’ultima fase di riqualificazione del centro»

Compiuto l’ultimo atto per l’abbattimento del diaframma tra via Silvio Pellico e piazza Oberkochen che da decenni spezza in due il percorso Tirindelli a Montebelluna. E’ stato redatto venerdì 17 luglio il verbale di immissione in possesso dell’area privata necessaria per compiere l’operazione e cioè quella di poter realizzare il percorso pedonale e ciclabile di collegamento tra il sistema delle piazze del centro e poter avviare prossimamente i lavori necessari.

Il dirigente Pierantonio De Rovere ha incontrato oggi i proprietari dell’area, ha verificato lo stato dei luoghi e proceduto con l’acquisizione dell’area al patrimonio comunale così che ora il Comune dispone pienamente dell’area rispetto alla quale due giorni fa era stata formalizzato il vincolo della servitù di passaggio con l’attivazione dell’accesso ad uso pubblico. Nel frattempo, la giunta comunale ha già approvato il progetto definitivo-esecutivo realizzato dagli uffici comunali e che prevede la realizzazione di un percorso asfaltato circondato da muretti in calcestruzzo altri 150 centimetri e l’installazione dell’illuminazione pubblica lungo il percorso stesso. L’operazione ha un costo di circa 70mila euro di cui 50mila euro finanziati nell’ambito del progetto del distretto commerciale identificato nella cosiddetta “Città emporio”, riconosciuto nei mesi scorsi dalla Regione Veneto con un contributo di 250mila euro. Altri 20mila euro circa sono invece finanziati con risorse proprie e serviranno a coprire i valori economici dell’esproprio secondo quanto disposto dall’apposita commissione provinciale sugli espropri di Treviso. E’ già stata individuata la ditta che si occuperà dei lavori che inizieranno nelle prossime settimane così da completare il cantiere entro settembre.

Commenta il sindaco, Marzio Favero: «Inizia così l’ultima fase del programma di riqualificazione del centro di Montebelluna. Il Consiglio comunale ha approvato all’unanimità le prevede l’acquisizione di 11mila metri quadrati di parco di Villa Bertolini, per garantire un’area verde al lato ovest del centro in grado di fare pendant al parco Manin al lato sinistro. Nel frattempo, abbiamo ricostituito l’ufficio di piano con Ascom e Mosaico perché a giorni parte la progettazione per la riqualificazione anche dell’ultima piazza, cioè piazza Tommaseo ed il parcheggio lato est della piazza nuova. Anche qui il Comune gode di un contributo regionale e proprio in questi giorni si sta definendo il progetto preliminare del nuovo teatro di Montebelluna destinato ad essere il nuovo motore della vita culturale e civica non solo della città, ma dell’intero comprensorio montebellunese. E’ la vittoria di una visione strategica sul ruolo ed il futuro della città».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Veneto zona arancione per un'altra settimana: «Penalizzati dall'ospedalizzazione»

  • Lascia un messaggio al bar: «Grazie, ho vinto quasi due milioni di euro»

  • Il papà più bello d'Italia? Ha 34 anni, è trevigiano ed è gay

  • Covid: l'intestino può essere responsabile della gravità e della risposta immunitaria

  • Gennaio 1985 la nevicata del secolo: il grande freddo a Treviso

  • Il sorriso di Claudia si spegne a soli 56 anni: fatali una malattia e il Covid

Torna su
TrevisoToday è in caricamento