Malattia incurabile, Castelfranco dà l'addio al gelataio "Pedro Eis"

Pietro Bernardi, 73 anni, è mancato all'affetto dei suoi cari giovedì 12 novembre. Considerato "il re del gelato" nella Castellana, lascia moglie e due figli. Lunedì i funerali

Pietro Bernardi nel giorno del suo 73esimo compleanno (Foto di Christian Bernardi via Facebook)

Il mondo della ristorazione e delle gelaterie è in lutto per la scomparsa di Pietro Bernardi, in arte "Pedro Eis", mancato giovedì 12 novembre a causa di un male incurabile che l'ha strappato all'affetto dei suoi cari a 73 anni.

Come riportato da "La Tribuna di Treviso", Pietro ha fatto la storia del gelato nella Castellana. Nato a Castelfranco Veneto, aveva iniziato la sua carriera nel mondo della ristorazione a soli 14 anni, lavorando per il ristorante di Rino Fior. Negli anni Sessanta lascia la provincia di Treviso per fare esperienza all'estero: prima va in Francia, poi si sposta in Germania dove incontra la futura moglie Evelina e si avvicina al mondo delle gelaterie. L'unione dei due coniugi dà vita a una vera e propria catena di gelaterie riunite sotto il nome di "Pedro Eis". Nel 2006 il ritorno nella sua amata Castelfranco dove apre la gelateria "Pedro Eis" all'interno del centro commerciale Giardini del sole. Un punto vendita aperto tutto l'anno dove i gelati cambiano in base alla stagione. Tra i gusti creati da Pietro restano indimenticabili il "Cremino di Pedro", il gelato al panettone e la crema di nonna Teresa (con una ricetta ricevuta dalla suocera). Un anno fa la tragica scoperta della malattia. Nonostante tutte le cure a cui si era sottoposto, Pietro non è riuscito a vincere la sua battaglia contro il male. Lo piangono oggi la moglie Evelina e i due figli: Christian (che sta portando avanti il marchio "Pedro Eis" nella Marca) e Romana, residente in Baviera dove gestisce una gelateria sempre seguendo gli insegnamenti del papà. I funerali saranno celebrati lunedì 16 novembre alle ore 15 nella chiesa parrocchiale di Salvarosa.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ressa per le scarpe Lidl corsa all'acquisto: esaurite anche a Treviso

  • Cocaina e marijuana in casa, brigadiere dei carabinieri in manette

  • Covid, Zaia: «I dati in Veneto sono buoni, non meritiamo la zona arancione»

  • Malore improvviso al rifugio: 62enne muore tra le braccia della compagna

  • Pooh, nuovo disco dopo la morte di D'Orazio: «Le canzoni della nostra storia»

  • Non pagano l'affitto, i proprietari cambiano la serratura e li chiudono fuori

Torna su
TrevisoToday è in caricamento