rotate-mobile
Attualità Asolo / Via Frattalunga, 12

Inaugurato il primo "Percorso della viticoltura asolana"

Taglio del nastro lunedì 29 maggio per il cammino, lungo un chilometro, fortemente voluto dalla famiglia Dal Bello per celebrare le colline asolane. Testimonial d'eccezione Gabriella Dorio, campionessa olimpica dei 1500 metri

È stato inaugurato lunedì 29 maggio il primo Percorso della viticoltura di Asolo, realizzato nella tenuta Dal Bello. Un percorso unico nel suo genere, fortemente voluto dalla famiglia Dal Bello per celebrare le colline asolane e condividere con i visitatori l’eccezionale patrimonio storico-culturale e enogastronomico del territorio. Situato a pochi metri dal cuore del Borgo asolano, dove crescono le storiche vigne utilizzate per produrre l’Asolo Prosecco Superiore Docg, il percorso si snoda tra i vigneti, gli ulivi e i ciliegi di proprietà della famiglia da tre generazioni (nonno Giuseppe, papà Vittorio ed ora i fratelli Mario ed Antonio), fino a giungere alla casa natale risalente a tre secoli fa. Il percorso, unico nel suo genere, si snoda sul Colle Sant’Anna che da decenni è la culla della cantina Dal Bello. Un cammino lungo 1 chilometro e mezzo tra i vigneti, gli ulivi e i ciliegi di proprietà della famiglia da tre generazioni (nonno Giuseppe, papà Vittorio ed ora i fratelli Mario ed Antonio), fino a giungere alla casa natale passeggiando attraverso la storia e nella natura in un’esperienza immersiva per poi ritrovarsi (come) a casa, approdando alla Casa Dal Bello, l’antica dimora di famiglia.

Famiglia Dal Bello-2

L'inaugurazione

Il percorso è la sintesi di un secolo di storia, di mani che incessantemente si intrecciano alle viti, di una famiglia che non ha mai smesso di credere in un sogno: quello di condividere in tutto il mondo l’unicità e l’eccezionale patrimonio dei colli Asolani. Il percorso racconta, attraverso sette stele infografiche realizzate in acciaio cor-ten, i punti salienti della storia e della viticoltura: si possono infatti comprendere da vicino il vitigno, il territorio e le modalità con cui è coltivato, la storia millenaria della viticoltura asolana, la rete idrografica che lambisce il Colle e la biodiversità che abita il territorio asolano. Tanti i presenti al taglio del nastro del percorso: dai fratelli Dal Bello, Mario e Antonio, al sindaco di Asolo, Mauro Migliorini, la presidente dell’IPA Terre di Asolo e Montegrappa e sindaco di Pieve del Grappa, Annalisa Rampin, ai sindaci del territorio, all’architetta Vania Cunial che ha progettato il percorso, al botanico Silvano Rodato che ha condotto la ricerca delle varie specie presenti nel percorso, al Cerimoniere confratello anziano della Confraternita dei Vini Asolo Montello, il professor Antonio Zamboni. A tenere a battesimo il Percorso, la testimonial Gabriella Dorio, un'ex mezzofondista italiana, campionessa olimpica dei 1500 metri piani a Los Angeles 1984.

Gabriella Dorio-2

Il commento

Antonio Dal Bello conclude: «L’apertura di questo percorso rappresenta un'ulteriore tappa per la valorizzazione e la promozione della viticoltura asolana così apprezzata in tutto il mondo. Rappresenta anche un ponte ideale tra quella che è stata, è e sarà la storia della famiglia Dal Bello e la storia della viticoltura asolana che permetterà ai visitatori di scoprire le tappe fondamentali che hanno caratterizzato la nostra storia ma anche quella di un intero territorio. Immergersi in questo percorso significa farsi trasportare dalla storia, dalla tradizione ma anche dalla biodiversità di un luogo eccezionale che giorno dopo giorno con costanza e passione ci impegnano a preservare».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Inaugurato il primo "Percorso della viticoltura asolana"

TrevisoToday è in caricamento