Prosecco, i dazi Usa rischiano di penalizzare il mercato

Nell’anniversario dell’iscrizione de “Le colline del Prosecco di Conegliano e Valdobbiadene” nella Lista dei Patrimoni Mondiali dell’Unesco è allarme per le esportazioni negli Stati Uniti, che sono diventati il principale mercato di consumo del Prosecco al di fuori dei confini nazionali

Nell’anniversario dell’iscrizione de “Le colline del Prosecco di Conegliano e Valdobbiadene” nella Lista dei Patrimoni Mondiali dell’Unesco è allarme dazi per le esportazioni negli Stati Uniti che sono diventati il principale mercato di consumo del Prosecco al di fuori dei confini nazionali. E’ quanto afferma la Coldiretti ad un anno dal riconoscimento da parte dell’Unesco delle bollicine italiane più popolari che sono entrate nella lista nera dei prodotti Made in Italy sotto attacco dei nuovi dazi del presidente degli Stati Uniti Donald Trump, con la procedura di consultazione da parte del dipartimento statunitense del commercio (USTR) che si concluderà il 26 luglio.

«Un pericolo concreto ad un anno dal riconoscimento Unesco poiché se entrassero in vigore dazi del 100% ad valorem – sottolinea la Coldiretti - una bottiglia di Prosecco venduta in media oggi al dettaglio in Usa a 10 dollari ne verrebbe a costare 15, con una rilevante perdita di competitività rispetto alle produzioni non colpite. Un danno enorme nel principale mercato di sbocco delle pregiate bollicine che nel primo trimestre del 2020 nonostante l’emergenza coronavirus si è mantenuto stabile, mentre sono crollate nello stesso periodo del 14% in valore le esportazioni in Gran Bretagna che si colloca così al secondo posto, secondo elaborazioni Coldiretti su dati Istat».

«Questa situazione - continua la Coldiretti – favorisce la contemporanea crescita delle imitazioni in tutti i continenti a partire dall’Europa, dove sono in vendita bottiglie dal Kressecco al Meer-Secco prodotte in Germania che richiamano palesemente al nostrano Prosecco il quale viene venduto addirittura sfuso alla spina nei pub inglesi. L’ultima battaglia legale vinta dal Prosecco è contro le bollicine francesi senza alcol commercializzate con il nome “Nosecco” e destinato al mercato britannico».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Una concorrenza sleale insopportabile – conclude la Coldiretti – soprattutto se si considerano le difficoltà di bar, ristoranti e alberghi che ha causato un crollo delle vendite di vino nella ristorazione in tutto il mondo. Si teme dunque una tempesta perfetta con le tensioni determinate dalla Brexit che  si sommano alle misure protezionistiche degli Stati Uniti, in una situazione in cui il commercio internazionale è già frenato dai limiti imposti dalla pandemia».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Schianto frontale nella notte, muore allenatore del Ponzano amatori

  • Mister Italia 2020, un 27enne di Mogliano vince la fascia di Mister Fitness

  • Rimorchio si rovescia in strada, persi quasi 40 quintali di uva

  • Oliviero Toscani: «Chi vota Zaia forse è ubriaco, anche i veneti diventeranno civili»

  • Tragedia di Merlengo, il 26enne aveva bevuto: indagato per omicidio stradale

  • Distributore di bevande trovato morto nel suo camion

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrevisoToday è in caricamento