menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Covid e case di riposo, Damiano (PDP): «Uno strazio non poter abbracciare i cari, l'Italia esca dall'Oms»

Il leader del movimento ultracattolico denuncia la situazione: «Batteremo i pugni a Ginevra. Inconcepibile vedere mia madre soffrire perchè costretta a guardarmi da un pannello. Se muore lei più di qualche politico ce l'avrà sulla coscienza»

«Uno strazio non poter abbracciare i cari, liberiamoci dell'Oms»: l'invito è di Lorenzo Damiano, leader del movimento ultracattolico dei Pescatori di Pace, che racconta la sua esperienza con la madre accudita in una casa di riposo di Conegliano: «Sono tre mesi che non riesco ad abbracciarla. Da quando è iniziata questa falsa pandemia, smascherata evidentemente dai numeri inesistenti e da una gestione dittatoriale, non sono mai riuscito a vederla o accarezzarla. Inconcepibile vederla piangere da un pannello di plexiglass perchè impossibilitata ad accarezzare suo figlio nonostante entrambi siamo in salute. Questa è una violenza per un anziano. Se mia mamma muore di crepacuore più di qualche politico l'avrà sulla coscienza».

Fuori dalla Oms

Lorenzo Damiano, leader dei Pescatori di Pace e responsabile delle attività economiche del movimento europeo APF, con atto simbolico chiede all’Italia di uscire dall’Oms per «liberarsi dalle catene di atti governativi del tutto fuori dal mondo». Una protesta la sua che raggiungerà anche gli uffici di Ginevra dove Damiano, in rappresentanza della sua associazione, nei prossimi giorni denuncerà le problematiche riscontrate nella gestione: «L’attuale classe politica italiana ha dimostrato di compiacere o di non sapersi opporre allo strapotere di questa struttura sovranazionale, una vera e propria associazione a delinquere che non si preoccupa affatto del bene dei nostri nonni e dei nostri bambini. Distanziamento sociale, mascherine, guanti dannosi: la falsa pandemia è sotto gli occhi di tutti, i clamorosi passi falsi in tutta la gestione di questi mesi ne è la prova. Chiedo ai magistrati che facciano luce: in che modo sono stati gestiti ad esempio i soldi investiti da Oms e associazioni come Unicef e Nazioni Unite? Che legame c’è tra queste strutture? Sono forse state utilizzate per destabilizzare il mondo attraverso alcuni politici? Prendiamo esempio da Trump per combattere questi giochi di potere e questo pericoloso Deep State prima di settembre e del prossimo lockdown».

Battaglia spirituale

La protesta di Lorenzo Damiano tocca anche l’attualità e la dimensione spirituale: «E’ chiaro che la battaglia che si sta combattendo è evidentemente rappresentata da due forze: il Bene contro il Male. O queste èlite che governano si fermano o la spada di Dio bloccherà i piani malvagi di chi opera per seminare divisione e il male nel mondo, mascherandosi dietro filantropie ingannatrici che, ormai, stanno rivelando la loro vera natura. Chiedo che chi di dovere si converta nei prossimi giorni affinchè ci sia un ravvedimento: altrimenti chiederò allo Spirito Santo di aiutarmi ad aprire il loro cuore, velato oggi, dalla menzogna: in gioco c'è la vita di ciascuno di noi, anziani e bambini compresi».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Cronaca

    Coniglietto intrappolato nel camino: salvato dai pompieri

  • Eventi

    La lotta alla Mafia di Falcone e Borsellino raccontata da Pietro Grasso

  • Attualità

    Premio “Giuseppe Mazzotti” Juniores: prorogata la scadenza del bando

Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento