Pesticidi nei vigneti: «Serve un'azione preventiva»

A parlare è il consigliere regionale Andrea Zanoni commentando le sanzioni inflitte ai responsabili che avevano sparso pesticidi nei pressi di un campo da calcio a Colle Umberto

«Sono soddisfatto che i responsabili siano stati individuati e multati. Servono però da un lato maggiori controlli e sanzioni più dure, perché non si tratta di casi isolati, e dall’altro azioni preventive, senza attendere le denunce degli abitanti, preoccupati ed esasperati».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Con queste parole il consigliere del Partito Democratico Andrea Zanoni commenta la risposta alla sua interrogazione su un episodio avvenuto la scorsa primavera a Colle Umberto quando una mamma aveva ritirato il figlio dall’allenamento perché accanto al campo di calcio era in corso l’irroramento di un vigneto. «Sul posto è intervenuta la polizia locale e dalla relazione è emerso che al titolare dell’azienda agricola son stati contestati il trattamento in presenza di vento in prossimità di aree frequentate dalla popolazione e in orario non consentito dalle disposizioni comunali, oltre al mancato rispetto, in due occasioni, della distanza di 50 metri tra la zona trattata e le pertinenze di un’area sensibile, considerando grado di pericolosità del pesticida utilizzato. Violazioni che hanno poi portato a una multa, di cui non sappiamo l’entità. Nella risposta all’interrogazione - prosegue Zanoni - la Giunta evidenzia come sia necessario un ‘Programma regionale per un settore vitivinicolo sostenibile’ e per questo è stato costituito un gruppo di lavoro ad hoc. Tuttavia al momento le azioni scarseggiano, mentre continuano i finanziamenti a pioggia per il comparto vitivinicolo, incuranti delle conseguenze ambientali. Visti i soldi ricevuti, chiedere alle aziende il rispetto della salute dei residenti, evitando violazioni di legge ed abusi, mi sembra il minimo sindacale».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Smart contro un camion: muore 32enne, l'amica alla guida non aveva la patente

  • Covid, dodici lavoratori positivi in una ditta dell'hinterland trevigiano

  • Schianto sulla Pontebbana, gioielli e arnesi da scasso nella Smart

  • Covid in azienda, 24 positivi: «Ci lavoravano dieci migranti della Serena»

  • Malore improvviso, 40enne ricoverato in elisoccorso: è gravissimo

  • Geox, cooperativa Venere in liquidazione: «Tutelare contratti e posti di lavoro»

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrevisoToday è in caricamento