Giovedì, 24 Giugno 2021
Attualità

Veneto, nuovo piano di sanità pubblica. Zaia: «Non abbassiamo la guardia»

Giovedì 10 giugno il presidente della Regione ha presentato i nuovi provvedimenti per la sanità regionale insieme all'assessore Manuela Lanzarin e alla dottoressa Russo. Aumentano tamponi e tracciamento

Luca Zaia con l'assessore Lanzarin e la dottoressa Russo

«Oggi (giovedì 10 giugno) presentiamo il nuovo Piano di sanità pubblica del Veneto: non abbiamo abbassato la guardia, anzi, ci stiamo preparando per l'autunno e ad una nuova eventuale ondata finita l'estate. Continueremo a fare screening e tamponi, negli ospedali faremo tamponi anche ai familiari in visita ai pazienti ricoverati, resteranno aperti i Covid point e abbiamo disposto un ulteriore monitoraggio nelle case di riposo».

Luca Zaia inizia presenta con queste parole il nuovo Piano di sanità pubblica regionale: «Nelle ultime 24 ore sono stati somministrati oltre 42mila vaccini. 444mila le dosi disponibili ad oggi in magazzino ma 210mila sono AstraZeneca e Johnson&Johnson che possiamo somministrare solo sopra i 60 anni. Ieri sono arrivate 200mila nuove dosi Pfizer. Gli Over 60 che si sono presentati senza prenotazione per la vaccinazione con Johnson&Johnson sono stati finora 3.400. Faremo nelle prossime settimane i vaccini ai turisti che ce lo chiederanno, è un atto di attenzione nei confronti dei nostri ospiti in vacanza in Veneto. Bisogna però che arrivino nuovi vaccini e che il certificato che rilasciamo sia valido anche nel Paese da cui arriva il turista. Fin dal momento in cui Aifa ha raccomandato di somministrare i vaccini a vettore virale (Astrazeneca e J&J) unicamente sopra i 60 anni, la scelta del Veneto è stata quella di non utilizzarli più in nessuna modalità al di sotto di quell'età: di conseguenza, non sono mai stati né organizzati nè allestiti in Veneto open days ad accesso diretto per cittadini sotto i 60 anni nei quali somministrare questi due vaccini. L'indice Rt del Veneto è 0,68, l'incidenza regionale è di 14,7 casi su 100mila abitanti. 4 e 3% il tasso di occupazione nelle terapie intensive e in area non critica» conclude Zaia.

Il nuovo piano di sanità pubblica

piano-sanita-1-2

La delibera è stata approvata martedì 8 giugno. E' un piano in continuo aggiornamento, il quarto dall'inizio della pandemia in Veneto. Abbiamo aggiornato la diagnostica e ridefinito le modalità di screening con i tamponi. Il piano contiene anche le vaccinazioni extra-Covid, la sicurezza negli ambienti di lavoro e le nuove modalità per i centri diurni per anziani e persone non autosufficenti (riaprono tutti), così come i centri disabili. La dottoressa Russo è entrata nello specifico con queste parole: «Siamo in una situazione di bassa circolazione del virus e quindi, a livello regionale, abbiamo dovuto rivedere le misure di screening e controllo sanitario. Il tracciamento deve aumentare e non diminuire proprio adesso che ci sono pochi casi - ha spiegato la dottoressa - Stiamo sorvegliando anche i contatti "a basso rischio" soprattutto per tenere sotto controllo le varianti. In questi casi il tracciamento dev'essere capillare. Il limite minimo è 150 tamponi su 100mila abitanti, il Veneto ne fa 15mila al giorno. Stiamo valutando se mettere punti tamponi anche nei centri estivi o nelle sagre che verranno organizzate quest'estate. La quarantena in caso di positività torna a 10 giorni per i casi fuori dalle varianti. Per il personale sanitario e gli operatori delle Rsa vaccinati i tamponi verranno fatti ogni 30 giorni, se non sono vaccinati saranno controllati ogni sette giorni - conclude la dottoressa Russo - I tamponi per i turisti che devono muoversi per viaggio o lavoro potranno essere fatti nelle farmacie e nei nostri Covid point. Abbiamo introdotto anche il test salivare, che ha la stessa validità di un tampone molecolare, e il tampone in auto-somministrazione».

piano-sanita-2-2

Il bollettino di Azienda Zero

Nelle ultime 24 ore sono 88 i nuovi positivi trovati in Veneto su 33.131 tamponi fatti per un'incidenza dello 0,26%. 6.185 i positivi in isolamento. 510 i ricoverati negli ospedali di cui 58 pazienti Covid nelle terapie intensive. Quattro i decessi in più rispetto a ieri.

Il video della diretta

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Veneto, nuovo piano di sanità pubblica. Zaia: «Non abbassiamo la guardia»

TrevisoToday è in caricamento