Riqualificazione di Piazza Marconi: i comitati contestano il progetto

A Valdobbiadene coro di protesta contro il progetto di rifacimento della piazza. I cittadini chiedono un intervento che trasmetta una più forte identità territoriale

In foto uno scorcio di Piazza Marconi a Valdobbiadene

Piazza Marconi a Valdobbiadene vuole rifarsi il look. Tutto nasce dalla volontà dell'amministrazione comunale di rivedere, in un’ottica di riqualificazione, l'assetto urbanistico della piazza principale del paese, a fronte del progetto vincitore del concorso indetto tempo fa, firmato dagli architetti lombardi Paolo Molteni ed Emanuele Colombo insieme ad Alessandro Gaffuri in qualità di giovane professionista.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ma la proposta avanzata non ha incontrato l’approvazione dei cittadini che, riuniti in due comitati spontanei: ‘Ridateci la nostra piazza’ e ‘Non uccidete la piazza di Valdobbiadene’, intendono far sentire la propria voce nel nome e in difesa di una forte identità territoriale. «Crediamo – affermano i comitati - che questa piazza debba rispettare i segni della nostra storia e non diventare un luogo privo di passato e di personalità. Uno spazio unitario non può diventare una triade di spazi rigidi e non complanari. Il nostro territorio infatti è inserito in un contesto paesaggistico disegnato da trame di ‘rive’, colline e declivi dal fascino unico, oggi diventate Patrimonio Unesco, non fatto di anonimi gradini. In vista dell’inevitabile sovraesposizione mediatica cui andrà incontro il paese di Valdobbiadene, e l’intero sito Unesco, vi deve essere un’attenta analisi e riflessione per varare una strategia socio economica che lo valorizzi senza relegare i residenti al ruolo marginale di comparse nel teatrino della movida serale o negli eventi periodici. I comitati tengono molto a sottolineare che Valdobbiadene è da sempre un paese che produce, e la sua piazza ne è il simbolo e luogo vitale per gli scambi di merci ed informazioni; qui convergono le principali vie direttrici e si affacciano i monumenti più rilevanti; il Campanile dell'architetto F.M. Preti, il Duomo del Vicentini che conserva antiche opere di pregio come la Pala dell'Assunta del Beccaruzzi, il palazzo municipale con la loggia del mercato, la fontana monumentale in pietra locale. Un luogo storico modellato nel tempo dalle fatiche degli avi, che hanno saputo trasformare un’area sconnessa, in passato attraversata da scoli e corsi d'acqua, in un punto rappresentativo della comunità che lo vive. Come tale non può e non deve essere snaturata urbanisticamente e sottratta a tale ruolo. E’ anche una questione di dignità» concludono i comitati.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid-19: allarme arancione in Veneto, Zaia temporeggia sull'ordinanza

  • Torna l'ora solare, quando vanno spostate le lancette

  • Nuovo Dpcm, Conte ha firmato: ecco che cosa cambia da lunedì

  • Covid, Zaia: «Treviso sta entrando nella terza fascia di emergenza»

  • Pranzo tra amici si trasforma in un focolaio Covid: trovati quindici positivi

  • Covid, Zaia: «In arrivo nuova ordinanza per limitare gli assembramenti»

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrevisoToday è in caricamento