rotate-mobile
Mercoledì, 1 Febbraio 2023
Attualità

Piombino dese: multato mentre bivacca con la birra in mano

Gli agenti della Polizia locale della Federazione del Camposampierese hanno sorpreso un cittadino albanese residente nel trevigiano intento a fumare e bere nonostante l'ordinanza anti alcol imposta

Degrado a Piombino, arrivano gli agenti. Il nuovo Regolamento di Polizia Urbana della Federazione, predisposto dal comandante Antonio Paolocci e adottato da tutti i 10 comuni che compongono l'Unione, vieta nei luoghi pubblici, ad eccezione dei plateatici e delle aree dei pubblici esercizi, di detenere, se non in recipienti chiusi ed integri, o consumare sul posto ogni genere di bevanda alcolica. Dopo le multe già elevate a Camposampiero, mercoledì sera, 4 gennaio, sono scattate le prime sanzioni anche a Piombino Dese. 

La vicenda

Nel parcheggio scambiatore della locale stazione dei treni una pattuglia anti degrado della Polizia Locale ha sorpreso due stranieri che si erano appartati in un angolo semi nascosto a fumare e bere alcolici. Ad essere multato in particolare è stato un cittadino albanese, già noto alle forze dell'ordine per dei piccoli precedenti a suo carico. L'uomo, residente nel trevigiano, alla vista degli agenti ha gettato via anche una sigaretta, probabilmente uno spinello, che gli agenti non sono però riusciti a ritrovare. L'area si presentava in una situazione di degrado e sporcizia, essendo divenuta negli ultimi tempi ritrovo serale e notturno di qualche sbandato, con rifiuti di ogni genere abbandonati per terra, cartoni di pizza e decine di bottiglie e lattine vuote di birra. 

La sanzione

Lo straniero è stato così sanzionato con una multa di 300 euro. Sul posto è intervenuta anche una pattuglia dei carabinieri della locale stazione. «Per questa violazione – ha dichiarato il comandante Paolocci - è comunque applicabile la sanzione sostitutiva al pagamento della sanzione  pecuniaria: il trasgressore può scegliere di effettuare una prestazione personale di attività di pubblica utilità che abbia valenza educativa e a favore della collettività, di valore corrispondente all’importo della sanzione prevista».  Il neo presidente della Federazione del Camposampierese, Antonella Argenti, sindaco di Villa del Conte, spiega: «Questo provvedimento anti alcol è stato preso a salvaguardia della vivibilità, del decoro, della sicurezza urbana e della fruibilità degli spazi pubblici e per la tutela dei siti di interesse storico, artistico, culturale dei nostri paesi. Inoltre il consumo e la detenzione di ogni genere di bevanda alcolica sono vietati per i minori di 18 anni all’interno delle attività commerciali e nei luoghi pubblici, a tutela della salute dei nostri giovani».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Piombino dese: multato mentre bivacca con la birra in mano

TrevisoToday è in caricamento