menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Riccardo Illy

Riccardo Illy

Polemica sul "Polo del Gusto" a Pieve di Soligo: Villanova risponde ad Illy

Il consigliere regionale: «Il nome Illy è sinonimo di eccellenza italiana nel mondo, di qualità e di buon gusto. Quello che stavolta è però mancato a qualcuno dalle parti di Trieste»

«Il nome Illy è sinonimo di eccellenza italiana nel mondo, di qualità e di buon gusto. Quello che stavolta è però mancato a qualcuno dalle parti di Trieste: il caffè gli riesce bene, ma dovrebbero valutare meglio quale possa essere il pericolo di avere enti territoriali che promuovono il proprio territorio». Interviene così il consigliere regionale Alberto Villanova in merito alla polemica nata nel suo paese, Pieve di Soligo, sulla intitolazione dello spazio recuperato dal Comune e denominato "Spazio del Gusto".

Nei giorni scorsi, infatti, l'Amministrazione comunale di Pieve di Soligo e il Consorzio Pro Loco Quartier del Piave hanno ricevuto una diffida dagli avvocati dell'industriale del caffè, oltre che ex sindaco di Trieste ed ex presidente della Regione Friuli-Venezia Giulia. A scatenare le polemiche il fatto che il Comune abbia, già a partire dal 2017, recuperato una zona commerciale dietro al Municipio alla quale è stato dato il nome di "Polo del Gusto". Peccato, però, che tale dicitura sia un marchio di proprietà di Illy, tanto da registrarlo nel corso del 2019. Proprio per questo motivo l'azienda chiede ora al Comune di non continuare con l'utilizzo di tale nome e, quindi, del rispettivo marchio registrato.

«Nel Paese dove ogni località ha un prodotto tipico, nel Paese conosciuto in tutto il mondo per la sua cucina e i suoi piatti tipici, qualcuno si mette a discutere sulla denominazione scelta dal nostro Comune ad uno spazio a favore dei turisti e dei cittadini. Ci potrebbe essere una piazza denominata "Polo del gusto" in ogni comune italiano, se ci pensiamo bene. Fa già ridere così, ma a pensare che contro Pieve di Soligo la scelta dell'Amministrazione Comunale e del Consorzio delle Pro Loco, che non posso che condividere, si sia messa una delle più grandi aziende italiane c'è da mettersi le mani nei capelli. Inutile invadere le pagine di giornali di rilancio del turismo se poi si fa la guerra a chi, con sforzo e sacrifico, ha strappato uno spazio all'incuria e al tempo per offrirlo a tutti. Credo che a Trieste debbano riflettere di più: a volte, con un po' di zucchero, il caffè diventa meno amaro, e anche le questioni di principio possono essere superate con un pizzico di buongusto» chiude Villanova.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento