menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Politiche giovanili: la Regione dona a Montebelluna centodiecimila euro

Importante finanziamento regionale per il comune trevigiano chiamato a investire su una serie di importanti progetti dedicati ai giovani in collaborazione con l'Ulss 2

MONTEBELLUNA Centodiecimila euro per azioni a favore delle politiche giovanili. Sono quelli che il Comune di Montebelluna, in qualità di capofila dei 29 Comuni dell’Ulss 2 ha recentemente ottenuto relativamente al Piano di Intervento in materia di politiche giovanili.

Si tratta di risorse in parte messe a disposizione dalla Direzione Servizi Sociali della Regione del Veneto quale contributo per l’avvio dei Piani di intervento in materia di politiche giovanili(88.662,69) ed in parte dall’Aulss 2 22.165,67 euro, quale cofinanziamento allo stesso piano. Quelli stanziati dalla Regione erano fondi rivolti alle politiche giovanili alle quali era possibile accedere presentando un progetto strutturato. E’ per questo che il sindaco di Montebelluna, Marzio Favero, nell’ambito dell’Esecutivo dei sindaci del distretto ha chiesto che venisse monitorata attraverso il gruppo di lavoro del Piano di zona la situazione locale rispetto alla presenza di buone prassi relative alle politiche giovanili. Il monitoraggio ha evidenziato come i progetti più efficaci fossero presenti nell’area montebellunese (Montebelluna, Trevignano, Crocetta, Volpago, Pederobba, Cornuda, Maser, Giavera) per cui il progetto presentato in Regione è stato formulato sulla base de le buone prassi già messe in atto in questo territorio dove da dieci dove esiste una convenzione tra i Comuni sulle attività in materia.

Spiega la presidente dell’assemblea dei sindaci, Annalisa Rampin: “Come stiamo facendo con le disabilità e i soggetti fragili con le borse lavoro incentivando tutte le migliori esperienze così intendiamo fare nell’ambito delle politiche giovanili con azioni che favoriscano l’ingresso nel mondo del lavoro e prevengano la dispersione scolastica che spesso riguarda i ragazzi più fragili. Per cui, essendo l’esperienza dell’area montebellunese molto positiva abbiamo pensato di esportarla in tutti gli altri 21 comuni che aderiscono al progetto”. Spiega il sindaco di Montebelluna, Marzio Favero: “Mi fa molto piacere che fra le esperienze individuate via siano Azienda Aperta e Drop out contro la dispersione scolastica. In particolare Azienda aperta è una proposta venuta dal Comune di Trevignano e poi diventata azione di rete appoggiata dall’IPA Montello Piave Sile e da una serie di Comuni dell’area che ha trovato grande apprezzamento perché supera la logica manageriale delle aziende e porta i ragazzi a scoprire gli imprenditori nel loro essere persone che con coraggio affrontano le sfide del mercato e possono trasferire esperienze concrete per farsi strada nel mondo della produzione e del lavoro. Adesso il progetto si estende ad una rete ancora più ampia”. Spiega il vicesindaco Dimitri Feltrin: “Sono anni che l’area montebellunese lavoro in sinergia tra i Comuni con le associazioni di categoria, con le imprese e con le scuole per dare un risposta su un territorio ampio alla forte esigenza di orientamento lavorativo che esprimono i giovani. Siamo molto felici che questa progettualità possa essere trasferirita questa dall’area dell’ex Ulss 8”.

Ora i 29 Comuni avranno un anno di tempo per realizzare i progetti rivolti a giovani residenti tra i 15 ed i 25 anni. Commenta l’assessore alle politiche giovanili di Montebelluna, Elisa Gobbo: “I progetti prenderanno spunto da alcuni già avviati nell’area montebellunese quali Drop Out che prevede attività di accompagnamento e di sostegno degli studenti per contenere il rischio della dispersione e dell’abbandono scolastico, Azienda aperta che promuove il lavoro come opportunita? di realizzazione e di trasmissione intergenerazionale di competenze, ed infine la Generazione creativa attraverso l’attivazione di laboratori strutturati che permettano di acquisire abilita? e nozioni specifiche, ma che stimolino anche la manualita? e la creativita? dei giovani”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Tre pasticcerie trevigiane in sfida a Cake Star

Attualità

Asolo, malore sul lavoro: dipendente comunale muore a 44 anni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Meteo

    Caldo anomalo nella Marca: «Da sabato temperature in calo»

  • Aziende

    «Positiva la scelta di istituire un ministero per la disabilità»

Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento