menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Controlli serali della polizia locale: nuovi fondi per la prossima estate

Bilancio positivo per le sedici nottate estive della polizia locale di Mogliano. I risultati più rilevanti sono stati ottenuti nei controlli stradali e nella lotta alla prostituzione

Un controllo del territorio che ha dato i suoi frutti e che verrà replicato la prossima estate grazie allo stanziamento di ulteriori fondi. Il bilancio della campagna di pattugliamento serale svota tra giugno e settembre dalla polizia locale di Mogliano è risultato ampiamente positivo.

I controlli svolti in coordinamento con le altre forze dell’ordine e con le polizie locali dei comuni contermini nel corso di sedici serate hanno riguardato vari aspetti della vita cittadina, a partire dalla sicurezza dei cittadini, alla vigilanza durante iniziative nel centro cittadino e nelle frazioni, ai controlli rispetto a comportamenti molesti segnalati, alla polizia stradale, al mancato rispetto dell’orario di chiusura dichiarato dallo stesso titolare di un pubblico esercizio, alla prostituzione in strada. «La presenza serale della polizia locale è sicuramente uno strumento importante di controllo del territorio. Le nostre risorse umane e finanziarie ci consentono di metterlo in atto solo per periodi limitati e sono concentrati d’estate perché è la stagione nella quale le persone trascorrono più tempo all’aperto. Inoltre è l’unica possibilità che abbiamo di contrastare la prostituzione nelle vie cittadine. Naturalmente si tratta di un deterrente temporaneo ed efficace solo nel momento la pattuglia è ben visibile. Ci siamo impegnati a garantire le risorse per poter finanziare e possibilmente ampliare il servizio anche la prossima estate» ha dichiarato il sindaco di Mogliano, Carola Arena. Nel corso dei pattugliamenti sono finiti nella rete della polizia locale tre clienti di prostitute, sanzionati con maximulte da 500 euro a, 5 prostitute, di cui tre sanzionate con multe da 500 euro e due da 100 per abiti succinti. Le pattuglie hanno identificato 112 donne che stavano esercitando la prostituzione, di cui 74 in centro abitato. Le 112 identificazioni riguardano 32 prostitute diverse che sono state trovate ad esercitare più volte nel corso delle giornate di controllo del territorio, soprattutto nelle zone del Terraglio, di via Ronzinella, a Marocco ed in via Mameli.

«Ma è soprattutto sulla viabilità che si sono ottenuti rilevanti risultati, con controlli di polizia stradale nell'area del centro su 37 veicoli che hanno consentito di rilevare una guida in stato di ebbrezza alcolica con limite superiore a 1,5 g/l con deferimento all'autorità giudiziaria del conducente che rischia la sospensione della patente da 1 a 2 anni, l’arresto da 6 mesi ad 1 anno e un’ammenda da 1.500 a 6 mila euro. E’ stata accertata una violazione per guida di un veicolo sprovvisto di assicurazione obbligatoria di R.C. ed una mancata revisione del veicolo» commenta il Comandante della polizia locale di Mogliano, Stefano Forte. Delle 39 violazioni al Codice della strada rilevate si evidenzia, oltre ad un passaggio con semaforo rosso (114,10 con pagamento in cinque giorni e meno 6 punti nella patente), il transito di autocarro su via Terraglio senza averne titolo, la circolazione di bicicletta fuori centro abitato senza luci e senza giubbotto rifrangente, soste sul marciapiede, su percorso pedonale, su pista ciclabile, in curva e davanti a passo carrabile. E’ stato eseguito anche servizio specifico di controllo della chiusura al transito veicolare del centro cittadino in occasione di cinque eventi svoltisi durante le sere d’estate a garanzia della tranquillità durante lo svolgimento delle manifestazioni.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Tre pasticcerie trevigiane in sfida a Cake Star

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento