Banda di pedofili diffondeva foto e video porno online, indagato un trevigiano

Vasta operazione della polizia postale di Venezia, coordinata dalla locale Procura. Denunciate anche 16 persone tra cui operai, camerieri e impiegati, tutti tra i 23 e i 60 anni. Nella Marca finisce nei guai uno studente universitario di 23 anni

L'indagine è stata condotta dalla polizia postale

Quattro persone arrestate e sedici denunciate per divulgazione, cessione e detenzione di materiale pedopornografico. È questo il risultato di "Cassandra", una vasta operazione della polizia postale di Venezia, coordinata dal Centro nazionale di contrasto alla pedopornografia online e dalla Procura di Venezia, con la quale è stata sgominata una rete di pedofili italiani che scambiava su Kik, app di messagistica usata dai più giovani, immagini e video frutto dello sfruttamento sessuale di minori. Tra gli indagati ci sono anche due veneziani, uno residente a Mestre e il secondo nel Veneto orientale, ed un trevigiano. Si tratta di uno studente universitario di 23 anni, M.M..

L'attività di indagine è partita dall'analisi dei dati informatici e delle chat del social network. Gli investigatori hanno isolato le posizioni  geografiche dei singoli nickname e recuperato per ognuno degli utenti il materiale condiviso e gli IP utili per lo svilippo delle indagini e la loro successiva identificazione: si tratta di impiegati, camerieri e operai tra i 23 e gli oltre 60 anni di età. Nello specifico, a finire in manette sono stati un 60enne di Mantova, un 30enne di Brescia, un 40enne di Modena e un 50enne trentino.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Gli agenti hanno sequestrato decine di telefonini e computer, dalla cui successiva perquisizione informatica sono stati trovati i riscontri sul possesso del materiale pedopornografico e la presenza su gruppi social per lo scambio di foto e video. In fase di perquisizione, gli investigatori sono risaliti anche a canali Telegram già noti per lo scambi di materiale pedopornografico o connesso a revenge porn.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Torna l'ora solare, quando vanno spostate le lancette

  • L'auto si schianta fuori strada: morto un 22enne, due feriti gravi

  • Vedelago, travolta e uccisa da un'auto di fronte al marito

  • I 6 piatti trevigiani che non possono mancare sulle tavole d'autunno

  • Auto sbanda e si ribalta, conducente in ospedale: è gravissima

  • Mascherina indossata per troppo tempo, studente si sente male

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrevisoToday è in caricamento