menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Per l'Osteria da Marchi di Merlengo il Dpcm è arrivato troppo tardi per organizzarsi

Per l'Osteria da Marchi di Merlengo il Dpcm è arrivato troppo tardi per organizzarsi

Le osterie e il Dpcm arrivato troppo tardi: «Impossibile mettersi in regola»

E' il caso della trattoria "Da Marchi" di Merlengo il cui titolare Giovanni Gianlorenzi spiega: «Per noi il decreto del governo è arrivato fuori tempo massimo, riapriremo fra 15 giorni»

C'è anche chi, in questa giornata in cui si torna ad una apparente normalità, non riapre. E non certo in polemica con il governo per le misure da adottare o perché non ha ancora ricevuto gli aiuti promessi ma semplicemente perché le prescrizioni del nuovo Dpcm sono arrivate troppo tardi per fare sì che potessero essere rispettate.

E' il caso dell'osteria "Da Marchi", trattoria  storica già a metà dell’ottocento, oggi conosciuta in tutta la provincia per le sue specialità culinarie, che rimane attiva ma solo con le consegne a domicilio. «Per noi - spiega Giovanni Zanlorenzi, uno dei titolari - il decreto del governo è arrivato fuori tempo massimo. C'erano troppe cose da valutare, impossibile ristrutturare per mettersi in regola. Per il momento restiamo aperti con il servizio da asporto che peraltro sta andando piuttosto bene. Ci siamo trasformati per resistere e lo stiamo facendo, nelle tre serate in cui è organizzato il "take away", il giovedì, venerdì e sabato,  riceviamo moltissime prenotazioni».

Ma "Da Marchi" pensano già ai prossimi giorni come alla data  di una possibile riapertura. «Non essere riusciti ad aprire questo lunedì - spiega Zanlorenzi - non significa che non si voglia ripartire. Dobbiamo studiare come separare i tavoli e capire quanti coperti si riescono a fare sia dentro che fuori il locale. Peraltro le distanze da tenere tra i posti sono sono solo una delle nuove prescrizioni, c'è anche la sanificazione e le distanze da tenere all'interno della cucina e le norme igienico sanitarie. A questo punto abbiamo pensato di continuare con l'asporto ancora per qualche giorno e posticipare la riapertura a lunedì prossimo o meglio ancora fra 15 giorni".
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Con un "gratta e vinci" da 5 euro ne vince 500mila

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento