Popolo della Famiglia: “Attivato uno sportello di consulenza telefonica gratuita”

Un sostegno psicologico a donne in gravidanza e alle loro famiglie

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di TrevisoToday

“Sostegno psicologico a donne in gravidanza, alle loro famiglie”. Il Popolo della Famiglia assieme all'Associazione "Nostra Signora di Guadalupe" ha deciso di avviare sull’intero territorio nazionale, uno sportello di consulenza telefonica gratuita per offrire aiuto e sostegno psicologico a tutte le donne che hanno dei problemi nella gravidanza e alle loro famiglie, con lo scopo di prevenire l’aborto, e di sostenere la maternità della donna in qualsiasi circostanza essa possa non essere sufficientemente tutelata o promossa. La conduzione dello sportello è affidata ai consulenti psicologi e psicoterapeuti dell’Associazione NSG e da due operatori del Popolo della Famiglia che offriranno anche un servizio di consulenza sociale, legale e amministrativa per le famiglie sempre in relazione ai problemi della maternità e della tutela della donna e del bambino.

Ancor più in questa fase di lock-down dovuto all’emergenza COVID-19, l’aiuto ed il sostegno alle donne in gravidanza sono fondamentali per la “cultura della vita” che si contrappone alla “cultura di morte” contenuta in una lettera aperta, indirizzata al ministro Speranza, al Presidente Conte e all’AIFA, da una serie di associazioni filoabortiste, lettera di cui sono primi firmatari Saviano e Boldrini. In quell’appello, stravolgendo il senso della legge 194/78 che non stabilisce il diritto della donna ad abortire, quanto semmai del bambino a nascere, si sottolineano le inesistenti difficoltà incontrate dalle donne intenzionate ad abortire in tempo di corona-virus. A chi auspica l’aborto farmacologico fino alla nona settimana, senza ricovero, ambulatoriale o con la somministrazione a domicilio, ricordiamo che in questo modo si sottovalutano i gravissimi rischi per la salute della madre. Il Popolo della Famiglia ribadisce che la cultura della morte deve essere fermata e incentivata, al contrario, l’accoglienza di ogni nuova vita aiutando le mamme a sostenere le difficoltà connesse ad una gravidanza inattesa, consentendo loro di portarla a termine, garantendo l’eventuale anonimato al momento della nascita e accelerando i tempi necessari per l’affido e l’adozione da parte di famiglie in cui una mamma ed un papà possano prendersi cura del bambino. Lo sportello di consulenza telefonica relativo ai problemi della maternità e della tutela della donna e del bambino sarà attivo nei giorni ed orari indicati nella locandina e verrà offerto in modo gratuito.

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrevisoToday è in caricamento