menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Terminati a tempo di record i lavori alla passerella di Portofino

Il titolare della ditta trevigiana "Euroedile", Nereo Parisotto, l'ha consegnata al sindaco, Matteo Viacava, percorrendola insieme

Un lungo applauso ha accolto la camminata del sindaco di Portofino, Matteo Viacava, accompagnato da Nereo Parisotto, titolare della Euroedile di Paese, lungo la passerella di acciaio e ferro che da oggi libera il borgo della Riviera ligure dall’isolamento. «Finalmente il primo passaggio sulla passerella -ha detto Matteo  Viacava sindaco di Portofino- Questo grazie ad "Euroedile" di Treviso e anche al sostegno fondamentale di città metropolitana ed in particolare dell'assessore Franco Senarega che si sono dati da fare per realizzare in tempi record la passerella che congiunge Santa Margherita Ligure a Portofino». L’opera è terminata stamattina con la posa degli ultimi giunti sulle curvature: i 120 metri di tubi, montanti e pannelli sono stati costruiti in cinque giorni lavorativi. La ditta di Postioma di Paese ha simbolicamente“consegnato” la passerella questa mattina con una settimana di anticipo. Un’impresa che all’indomani della mareggiata del 29 ottobre che si inghiottì la strada sembrava impossibile.

Ad assistere alla camminata i tecnici e gli operai trevigiani che hanno lavorato senza sosta.  «Negli ultimi dieci anni abbiamo allestito oltre cento cantieri sulla Costa ligure – spiega Nereo Parisotto, fondatore e amministratore unico di Euroedile - Questo è stato un lavoro speciale per la bellezza dei luoghi. Abbiamo sentito la vicinanza non solo delle istituzioni ma anche dei residenti che ogni giorno venivano ad incoraggiarci e a osservare lo stato di avanzamento dei lavori. Alla fine ce l’abbiamo fatta: è il nostro piccolo regalo di Natale ad un territorio speciale colpito da un’ondata di maltempo senza precedenti». La passerella è larga un metro e mezzo e grazie ai pannelli ed alle rampe  antisdrucciolo potrà essere attraversata da anziani e genitori con i passeggini. La pendenza media è inferiore all’8% per permettere l’utilizzo anche ai disabili in carrozzina. Sono stati utilizzati 50 moduli da due metri e mezzo e 250 pannelli di ferro, un peso totale di 120 quintali di materiale.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Su ogni montante è stato costruito un ancoraggio ad hoc e tutta la struttura è stata fissata alla parete in roccia con appositi tasselli meccanici e catene di trazione per evitare che venga travolta da nuove mareggiate. E’ una struttura ad alta portata, in grado di reggere grandi folle, fino a 400 chilogrammi per metro quadrato. «La difficoltà maggiore è stata l’ancoraggio alla parete rocciosa -spiega Lorenzo Munarin, responsabile del cantiere di Euroedile- Abbiamo dovuto passare sopra alle voragini che si erano create, lavorando sospesi anche a dieci metri di altezza. L’altra difficoltà è stata far stare dritti i montanti su un terreno impervio».

Soddisfazione è stata espressa da Silvano Rizzo capo cantiere della “CPC” ditta che ha in appalto il ripristino della sede stradale. «Abbiamo dato l'assistenza per gli ancoraggi ma ci siamo trovati di fronte a dei professionisti nel loro settore che oltre ad aver ultimato la passerella in tempi molto rapidi hanno fatto un ottimo lavoro operando in situazioni logisticamente molto difficili»: ha detto il capo cantiere della CPC.

Per “Euroedile” un’altra impresa da record che va ad inserirsi tra le numerose opere di altissimo livello che sta realizzando non solo in Italia ma anche all’estero tanto da essere considerata leader di settore a livello europeo. Poi i tempi tecnici del collaudo ed il completamento degli interventi sulla strada carrabile prima e dopo i punti in cui è stata istallata la passerella, infine l’apertura al pubblico. Il complimento più bello? Per Lorenzo Munarin è stato quello dei residenti che ogni giorno andavano a curiosare tra pannelli e transenne. «Parlate poco e lavorate tanto, si vede proprio che siete veneti»: ha detto più di qualcuno.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Tre pasticcerie trevigiane in sfida a Cake Star

Attualità

Asolo, malore sul lavoro: dipendente comunale muore a 44 anni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Meteo

    Caldo anomalo nella Marca: «Da sabato temperature in calo»

  • Aziende

    «Positiva la scelta di istituire un ministero per la disabilità»

Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento