menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Premio Architettura Città di Oderzo: vincono Studio Botter e Studio Bressan

Il progetto del "Palaluxottica - Congress and Exhibition Center" di Agordo si aggiudica la XVII edizione del premio

Il "Palaluxottica - Congress and Exhibition Center" di Agordo (BL), progettato da Studio Botter e Studio Bressan, è il vincitore del Premio Architettura Città di Oderzo (PAO) - XVII edizione. La giuria, fra le 10 opere della short list, ha così motivato la scelta: «Frutto di una committenza chiara e coraggiosa, il progetto esprime una presenza dell’architettura sul territorio capace di qualificarlo con un intervento di qualità architettonica e di valenza sociale». L’espressività del legno, l’attenzione al dettaglio e il profilo architettonico che entra in relazione con quello delle montagne sono infatti le cifre di questo nuovo centro congressi situato ai margini dell’insediamento urbano. La scelta è stata quella di lavorare sulle tracce formali e materiche tipiche delle vicine costruzioni rurali.

La premiazione si è tenuta venerdì 23 aprile in diretta da Palazzo Foscolo a Oderzo con il presidente di giuria Paolo Baratta (economista e già Ministro, per tre mandati consecutivi alla guida de La Biennale di Venezia). Palazzo Foscolo, sede della Fondazione Oderzo Cultura onlus e centro propulsore delle attività del Premio Architettura fin dalla prima edizione, è stato confermato come cornice per la proclamazione del vincitore. La cerimonia è stata introdotta dal presidente del Premio Marco Pagani (presidente dell’Ordine degli Architetti P.P.C. della Provincia di Treviso) collegato dalla sede dell’Ordine e moderata da Paola Pierotti (Architetto e Giornalista), in presenza a Palazzo Foscolo insieme al presidente della giuria Paolo Baratta.

Sono poi intervenuti i membri della giuria per una tavola rotonda sulle opere di architettura candidate: Maria Claudia Clemente (Labics), Alfonso Femia (Atelier(s) Alfonso Femia), Carlo Birrozzi (direttore dell’Istituto Centrale per il Catalogo e la Documentazione) e Massimo Tonello (Tonello Servizi). Gli studi di architettura selezionati sono stati invitati a presentare la loro opera, raccontandola con un video, fino all’annuncio del primo premio che è stato ulteriormente valorizzato con immagini appositamente realizzate dal fotografo Marco Zanta per documentare il progetto vincitore.

Il Premio Architettura Città di Oderzo è rivolto alla promozione dell’architettura nel Triveneto (Veneto, Trentino Alto Adige e Friuli Venezia Giulia) focalizzando la sua attenzione sul concetto di "territorio": l’architettura è infatti intesa dal Premio come un servizio e un valore per il territorio e per la comunità. La sezione speciale “Architettura dei luoghi del lavoro” e la nuova sezione speciale “Architettura di montagna” ampliano il campo d’indagine del Premio, estendendolo a livello nazionale: in questa edizione le opere candidate hanno raggiunto così un totale di 111 (74 opere afferiscono alla sezione "PAO XVII", 22 a “Architettura dei luoghi del lavoro” e 15 a “Architettura di montagna”). Il Premio è organizzato dal Comune di Oderzo, dalla Provincia di Treviso, dall’Ordine Architetti Pianificatori Paesaggisti Conservatori della Provincia di Treviso, dalla Fondazione Oderzo Cultura onlus e da Assindustria VenetoCentro.­­­­­­ Nei 24 anni trascorsi dalla prima edizione (1997) sono stati indetti 17 bandi di partecipazione per un totale di oltre 1400 opere presentate.

«Sono davvero soddisfatta che, nonostante il difficile periodo, il Premio Architettura si sia potuto svolgere e il fatto che la premiazione sia avvenuta con modalità a distanza nulla toglie al valore del Premio e delle opere che vi hanno partecipato. Ritengo che la cultura dell'Architettura e del Paesaggio sia un interesse collettivo e che sia di fondamentale importanza aumentare la consapevolezza dell'impatto positivo che la buona architettura può avere sulle trasformazioni e sulla competitività dei luoghi e della società. L'opera vincitrice ne è un chiaro esempio. Ringrazio Giuditta Rado che ha ideato e portato avanti negli anni questa iniziativa, riuscendo a mantenere saldi i rapporti tra i partner organizzatori, a coinvolgere personalità di alto profilo nella Giuria e professionisti altamente qualificati tra i partecipanti» dichiara Maria Scardellato, sindaca di Oderzo.

«La Provincia di Treviso ha creduto sin da subito nel Premio Architettura Città di Oderzo: oggi più che mai, è fondamentale sostenere chi realizza progetti di elevata qualità e visione, specie in un territorio come quello Veneto che mescola paesaggi urbani e agricoli, montani e costieri. L'urgenza di realizzare architetture che tengano conto del contesto paesaggistico, senza nulla togliere all'originalità delle progettazioni, diventa primaria se vogliamo costruire la qualità della vita del futuro. Colgo l’occasione anche per ricordare l'architetto Francesca Susanna, scomparsa prematuramente due anni fa proprio in questi giorni, che in Provincia è stata tra le prime a credere nel PAO contribuendo alla sua crescita. I miei complimenti dunque ai vincitori e il mio ringraziamento alla giuria, all'organizzazione e a tutti quanti hanno reso possibile anche l'edizione 2021» chiosa poi Stefano Marcon, Presidente della Provincia di Treviso.

«Pensare a un Premio di Architettura nel bel mezzo di un’epidemia mondiale potrebbe essere giudicato da qualcuno un vezzo. Un esercizio di stile per addetti ai lavori. Tutto il contrario. È in questi momenti che va avviata una riflessione sul ruolo che l’architetto e l’architettura svolgono nella società di oggi. Il Covid19 ha riacceso i riflettori sul tema dello spazio inteso come il luogo in cui abitiamo, viviamo, cresciamo e infine concludiamo la nostra esistenza. L’assenza della relazione ci ha spinto a riconsiderare il bisogno che sentiamo di questi luoghi, dove la condivisione di idee, voci, parole, immagini è possibile. La pandemia ci ha fatto riaffermare con convinzione l’idea che l’uomo è un animale sociale e di questi spazi sente continuo bisogno. Sono felice dunque che questa edizione veda premiare un’opera pensata con questa finalità e realizzata da un gruppo di professionisti che ha saputo coniugare le esigenze del luogo con quelle della sua committenza» afferma Marco Pagani, Presidente Ordine Architetti Pianificatori Paesaggisti Conservatori della Provincia di Treviso.

«Fondazione Oderzo Cultura è lieta di ospitare la cerimonia di premiazione della XVII edizione del Premio Architettura Città di Oderzo presso la sede di Palazzo Foscolo, confermando la propria collaborazione e partenariato a un Premio riconosciuto a livello nazionale come un’eccellenza sui temi dell'architettura, intesa come servizio al territorio e alla comunità in un processo di trasformazione urbana» dice Maria Teresa De Gregorio, Presidente di Oderzo Cultura. «È un onore per Assindustria Venetocentro essere partner del Premio Architettura Città di Oderzo, che valorizza qualità e bellezza del costruire in un Nord Est che vogliamo sempre più attrattivo e sostenibile. Con questa edizione ricordiamo anche la cara Tiziana Prevedello Stefanel, imprenditrice e architetto, prematuramente scomparsa e di cui rimpiangiamo l’impegno convinto per la cultura e l’innovazione» conclude infine Alberto Zanatta, Presidente Vicario di Assindustria Venetocentro.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Cura della persona

Il taglio capelli dell'estate 2021? È il little bob

Giardino

Balconi fioriti: scopri le piante più scenografiche, i migliori vivai

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento