Previmedical-Sindacati, aperto il confronto: resta lo stato di agitazione

Dopo il sit in organizzato dai lavoratori nelle scorse ore, l'azienda di Preganziol ha accettato di aprire un tavolo di dialogo con i sindacati. Il 21 ottobre un nuovo incontro

In foto: il sit-in dei lavoratori dell'azienda

Dopo il sit-in spontaneo dei lavoratori del polo assicurativo di Preganziol, mercoledì 17 ottobre ha avuto luogo l’incontro tra i vertici di Previmedical Spa e la rappresentanza sindacale.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per Nadia Carniato, segretaria generale della Filcams Cgil di Treviso «l’azienda si è aperta a una fase di dialogo con il sindacato. Quello delle scorse ore è un punto di partenza della trattativa, resta in piedi lo stato di agitazione dei lavoratori che sono sempre pronti allo sciopero se il confronto avviato non dovesse essere trasparente e portare a dei risultati tangibili. Nero su bianco si sono messe in fila alcune richieste dei lavoratori e la posizione dell’azienda in merito – spiega Nadia Carniato – Da qui partiamo. Innanzitutto, abbiamo evidenziato la necessità che i passaggi di livello, per adeguare l’inquadramento alle mansioni svolte, avvengano in tempi brevissimi equamente per un cospicuo numero di dipendenti. Resta fondamentale che si vada nella direzione di ridurre il dumping tra i due differenti contratti applicati in termini sia retributivi sia normativi. Il confronto poi ha toccato il nodo del contratto integrativo aziendale. Un integrativo che garantisca – elenca tra i vari punti la Carniato – la regolamentazione delle ferie e dei permessi, la flessibilità in entrata e in uscita, la possibilità di godere del congedo parentale, l’erogazione di un premio di risultato, obiettivamente calcolabile con nuovi parametri, ed esigibile in termini monetari o in prestazioni di welfare. Inoltre, destinare maggiori risorse sul versante della previdenza complementare». Per la Filcams Cgil, infine, è decisamente rilevante, al fine di dare slancio alla contrattazione di genere, aprire una fase di confronto puntuale rispetto all’impiego del lavoro part time in società che vedono una prevalenza di lavoratrici donne, per conciliare tempi di vita e di lavoro del personale. Rimanendo permanente lo stato di agitazione dei lavoratori, il Sindacato incontrerà nuovamente l’Azienda lunedì 21 ottobre. Esaurite le 12 ore di assemblea in ragione del proseguo della trattativa in corso la Filcams ha rivendicato la necessità di usufruire di ulteriori ore.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Smart contro un camion: muore 32enne, l'amica alla guida non aveva la patente

  • Covid, dodici lavoratori positivi in una ditta dell'hinterland trevigiano

  • Azienda trevigiana investe 2mila euro a dipendente per corsi e viaggi all'estero

  • Schianto sulla Pontebbana, gioielli e arnesi da scasso nella Smart

  • Con lo scooter contro un'auto, muore noto albergatore jesolano

  • Malore improvviso, 40enne ricoverato in elisoccorso: è gravissimo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrevisoToday è in caricamento