A Canizzano un mese di eventi dedicati alla cultura veneta

La prima edizione della "Primavera della cultura veneta" si terrà dal 31 marzo al 28 aprile. Tantissimi gli appuntamenti da segnare in agenda in puro stile "Serenissimo"

La bandiera veneta (Foto d'archivio)

Dal 31 marzo al 28 aprile avrà luogo a Canizzano la "Primavera della cultura veneta", una rassegna di eventi culturali e gastronomici legati alle tradizioni locali organizzati dalla Pro Loco di Canizzano e San Vitale, in collaborazione con altri enti ed associazioni locali.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Si comincia domenica 31 marzo alle ore 17 con la XXXII Edizione del Processo alla Vecia. Dopo il tradizionale benvenuto alle 17.30 avrà luogo la rappresentazione del processo dove la Sig.ra Gigeta De Maio proverà senza successo ad avere il reddito di cittadinanza all'INPS di Canizzano e sarà poi processato dal giudice Remenato e dal Pm Tajatabari con la poco utile difesa dell'avvocato Nane Poeastro. Nel corso paninoteca e frittura di pesce: in chiusura rinfresco e uova di Pasqua in regalo ai bambini. Lunedì 22 Aprile, giorno di Pasquetta, avrà luogo un pranzo a base di  prodotti della nostra tradizione in riva al Sile. Seguirà pomeriggio di giochi e relax nel tipico clima che solo la nostra natura sa offrire. Infine, domenica 28 aprile avrà luogo la Giornata della cultura veneta: alle 12.30 si terrà il Gran pranzo dei sapori, con piatti ricercati della nostra cucina. Dopo il pranzo, alle 15.30, vi sarà in riva al Sile la rappresentazione teatrale della premiata commedia dialettale "Il barcaro" di Gigi Mardegan. Dichiarano gli organizzatori: «Questa prima edizione della Primavera della cultura veneta vuole essere un tentativo di proporre degli eventi di natura culturale e di ampio respiro uniti ad una proposta gastronomica ricercata ma al tempo stesso legata alla nostra tradizione. Speriamo che la comunità risponderà positivamente a questo nostra iniziativa che vuole essere un momento positivo per stare insieme in un contesto diverso».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Borsa di cibo gettata tra i rifiuti: «Uno spreco che fa rabbia»

  • Malore improvviso durante la gita in bici: morto Carlo Durante, oro paralimpico nel '92

  • Camion carico di pollame finisce sulla pista ciclopedonale

  • Partita la maxi campagna vaccinale per 15mila ragazzi trevigiani

  • Schiacciato da un camion in rotonda, ciclista muore a 63 anni

  • Vasto incendio all'azienda agricola Vaka Mora: a fuoco 500 balle di fieno

Torna su
TrevisoToday è in caricamento