rotate-mobile
Mercoledì, 8 Dicembre 2021
Attualità Pieve di Soligo

Capitale della cultura 2022, Pieve di Soligo sconfitta da Procida

L'annuncio del ministro Franceschini: la giuria del Mibact ha selezionato la vincitrice tra le dieci finaliste. Il commento del consigliere regionale Villanova

Sarà Procida la Capitale italiana della Cultura 2022. La scelta della giuria del Mibact, presieduta dal professor Baia Curioni, alla fine ha premiato l'isola campana. L'annuncio della città vincitrice è avvenuto lunedì mattina, 18 gennaio da parte del ministro per i Beni e le attività culturali e per il turismo, Dario Franceschini. Le dieci città finaliste per il titolo erano: Ancona, Bari, Cerveteri, L'Aquila, Pieve di Soligo e le Terre Alte della Marca Trevigiana, Procida, Taranto con la Gracìa salentina, Trapani, Verbania e Volterra. Per la Marca è la seconda delusione che arriva dal Ministero dopo la candidatura di Treviso a Capitale della cultura 2020, sconfitta all'epoca dalla città di Parma.

Il commento di Alberto Villanova

«Sapevamo che sarebbe stato difficilissimo ottenere il titolo di Capitale italiana della cultura. Peccato, ma dobbiamo comunque essere orgogliosi della nostra Pieve di Soligo: unica città veneta ad essere arrivata alla short list delle 10 finaliste, ce la siamo giocata fino in fondo, fino all'ultimo. Siamo molto dispiaciuti, non possiamo negarlo, ma andiamo comunque a testa alta per la nostra città, il nostro territorio e questo percorso entusiasmante».

Alberto Villanova, consigliere regionale e capogruppo in Consiglio regionale del Veneto di Zaia Presidente, commenta l’esito della selezione per la Capitale italiana della cultura 2022 che vedeva, tra le finaliste, anche Pieve di Soligo, cuore delle Colline dell’Unesco. «Le città che si contendevano il prestigioso riconoscimento erano tante e tutte meravigliose - continua il capogruppo - Sapevamo fin da subito che sarebbe stata una lotta difficilissima, ma siamo comunque arrivati in fondo alla competizione, nonostante pochi ci credessero. Questo territorio è incredibile, il dossier è stato curato nei minimi dettagli. Dal Comune alle associazioni del territorio alla Regione del Veneto: tutti abbiamo remato nella stessa direzione. Anche in Comune, l’opposizione ha lavorato in modo costruttivo per sostenere questo obiettivo, perché vincesse Pieve di Soligo. Non piace a nessuno perdere, ma io credo che oggi Pieve di Soligo abbia comunque vinto. Il nome della nostra città è arrivato ai Ministeri a Roma, e non per il solito gettito Iva o l'imposizione fiscale, ma per il valore culturale della nostra secolare storia. In tanti hanno potuto ammirare le ricchezze e le bellezze del nostro territorio e siamo sicuri che, una volta terminata la pandemia, Pieve di Soligo conquisterà tanti visitatori ammirati. Di questo, del lavoro sinergico, delle nostre meravigliose colline, del nostro passato, siamo fortemente orgogliosi. Ripartiremo da qui - conclude Villanova - insieme a tutto il territorio, alla Regione, ai vari stakeholders, per sostenere comunque e sempre di più Pieve e la sua cultura».

Giovanni Zorzi e Matteo Favero, rispettivamente segretario provinciale e responsabile provinciale ambiente del Partito Democratico a Treviso,  commentano invece la notizia con queste parole: «Abbiamo tifato tutti per Pieve di Soligo, la città del poeta Andrea Zanzotto e del Beato Giuseppe Toniolo, candidata a capitale italiana della cultura 2022 in cordata con tutto il territorio delle Terre Alte della Marca Trevigiana. Il suo arrivo tra le dieci città finaliste è un grande risultato che spinge, vista la qualità del progetto, ad andare a avanti e a sostenerlo con grande convinzione. Tutela dell'ambiente, turismo diffuso e soprattutto sostenibile, cultura come strumento di riqualificazione di un territorio producono posti di lavoro e buona economia, ciò di cui le nostre comunità hanno bisogno, ora più che mai. Ognuno adesso faccia la sua parte per fare in modo che tutto il lavoro svolto per preparare il dossier non venga sprecato. Anche da qui passa il futuro della Marca e di tutto il Veneto».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Capitale della cultura 2022, Pieve di Soligo sconfitta da Procida

TrevisoToday è in caricamento