Iniziative di Casa Paladin: il prosecco rosato è vicino alle donne

Francesca Paladin presenta i nuovi rosè e una iniziativa a favore delle donne malate di tumore al seno

Presentato il nuovo Prosecco Rosé di Bosco del Merlo che entra a far parte del progetto Life in Rosé a sostegno di LILT Treviso. L'iniziativa si conclude con la consegna da parte di Bosco del Merlo di un assegno di 5.000€ a favore della prevenzione del tumore al seno; a fare gli onori di casa durante l’incontro Francesca Paladin, terza generazione della famiglia alla guida dell’azienda.

I fondi raccolti sono frutto del progetto Life in Rosé, che nel corso dell’ultimo anno ha visto Bosco del Merlo impegnata nel destinare una parte del ricavato delle vendite dei suoi vini rosati (Rosé Spumante Brut e Pinot Grigio) a supporto della campagna “Nastro Rosa” di LILT. Come raccontato da Nelly Raisi MantovaniVice Presidente LILT Treviso, nonostante l’emergenza sanitaria in corso, nel solo mese di ottobre 2020 l’Associazione ha effettuato oltre 500 visite di controllo.

Ad accompagnare LILT Treviso attraverso questo progetto benefico ci sarà da oggi il nuovo Prosecco Rosé DOC di Bosco del Merlo; con una produzione iniziale di 20.000 bottiglie, con il lancio in Italia e all’estero di pochi giorni fa Bosco del Merlo ha fatto da apri fila nella distribuzione di questa nuova tipologia di prosecco. Secondo i dati forniti dal Direttore del Consorzio Prosecco DOC Luca Giavi ad oggi sono 80 le aziende che hanno scelto di produrre il Prosecco Rosé, per un totale di 20 milioni di bottiglie commercializzate in Italia e all’estero.

Le parole d'ordine di Francesca Paladin:4V (Vino, Verde, Vite e Vita) a dimostrazione dell’attenzione dedicata non solo alla salute del proprio territorio, ma anche a quella di chi lo abita."

Il prosecco rosé è la novità di quest'anno, richiesto in tutto il mondo, apprezzato anche perchè si abbina perfettamente con piatti vegetariani e vegani come quelli suggeriti da Chiara Canzian, vegan food blogger e scrittrice. Una torta salata con patate e porcini o un’insalata di finocchi, arance, pomodorini secchi e mandorle si sposano perfettamente a questo vino che, come evidenziato dalla sommelier e wine blogger Giulia Sattin, si distingue per la sua eleganza e freschezza e per l’armonia con cui le note agrumate tipiche della Glera si fondono con la persistenza del Pinot Nero.

Bosco del Merlo

I vini Bosco del Merlo sorgono a cavallo tra Veneto e Friuli. Il brand, di proprietà dei fratelli Roberto e Carlo Paladin, identifica il legame con una terra di confine affascinante, che rivela la sua storia nella centuriazione dell’antica Roma. Accanto alla produzione di vini di forte identità, espressione del territorio, i tratti distintivi dell’azienda sono l’attenzione alla sostenibilità ambientale e sociale. In campo viticolo ed enologica l’azienda collabora con le Università di Padova e di Milano, con l’obiettivo di sviluppare la ricerca e l’innovazione a favore della tutela dell’ambiente, del benessere e della salute, dentro e fuori l’azienda.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Remo Sernagiotto ricoverato al Ca' Foncello: «Condizioni disperate»

  • Zaia, nuova ordinanza: «Capienza ridotta in negozi e centri commerciali»

  • Malore improvviso al rifugio: 62enne muore tra le braccia della compagna

  • Metodo Bianchini: come perdere peso senza rinunce

  • Guida Michelin 2021: i ristoranti stellati nel trevigiano

  • Covid, nuova ordinanza di Zaia: «Riapriamo i negozi di medie e grandi dimensioni al sabato»

Torna su
TrevisoToday è in caricamento