Giovedì, 29 Luglio 2021
Attualità

Protezione civile, maxi esercitazione in dieci Comuni della Marca

Sabato 19 giugno, dalle ore 7 alle 13, oltre 150 persone saranno coinvolte nella simulazione di un violento temporale nell'area dell'Unione montana delle Prealpi trevigiane

In foto alcuni dei volontari coinvolti nell'esercitazione

Sabato 19 giugno, dalle ore 7 alle 13, i mezzi e gli uomini della Protezione civile trevigiana saranno coinvolti in una maxi esercitazione in dieci Comuni dell'Unione montana dove verrà simulato un temporale intensissimo.

L'Unione montana delle Prealpi trevigiane, insieme al Centro studi amministrativi dell'associazione Comuni della Marca Trevigiana, ha infatti organizzato un’esercitazione intercomunale di Protezione civile che interessa contemporaneamente tutti e dieci i Comuni dell’Unione: Vittorio Veneto, Revine Lago, Tarzo, Cison di Valmarino, Follina, Miane, Cappella Maggiore, Fregona, Sarmede, Cordignano. La giornata sarà calda, probabilmente afosa, e con il sole splendente fino ad una certa ora della mattinata, poi coperta. Ma per i sindaci dei dieci Comuni, per gli assessori alla Protezione civile, per il personale comunale incaricato, per i volontari di Protezione civile e per i ragazzi del Servizio civile il cielo scatenerà tuoni e fulmini, con elevate raffiche di vento e rischio di alluvioni e frane. I Coc dei Comuni verranno aperti e avranno inizio le operazioni di Protezione civile per affrontare le criticità che un evento meteorologico così intenso può portare. Una parte dell’esercitazione si svolgerà per posti di comando, simulando l’attività che gli enti locali devono fare a tavolino, e una parte si svolgerà sul territorio, senza però coinvolgere né la popolazione né altre istituzioni o enti (Provincia, Regione, Vigili del Fuoco, etc.). «I nostri dieci Comuni hanno deciso di gestire in modo associato la funzione fondamentale della Protezione civile delegandola all’Unione - spiega Silvia Salezze, presidente dell’Unione montana -. Tra aprile e maggio i consigli comunali hanno deliberato questa importante decisione e l’esercitazione di sabato sarà l’occasione per verificare sul campo l’attività di coordinamento e per far emergere le eventuali criticità da correggere in tempo di pace».

Quello di sabato sarà il secondo di tre eventi dedicati alla formazione degli amministratori locali e degli operatori di Protezione civile. Il primo si è tenuto sabato 12 giugno presso l’area Fenderl di Vittorio Veneto ed è stata una sessione formativa teorica (in foto i partecipanti). «Il Centro studi amministrativi dell’Associazione comuni della Marca trevigiana offre da diversi anni formazione agli enti locali in tema di Protezione civile perché crediamo fortemente nella prevenzione - conclude Mariarosa Barazza, presidente dell'Associazione Comuni - Preparare le persone in tempo di pace permette di gestire con efficacia le operazioni durante le emergenze che richiedono molta organizzazione e molta flessibilità». L'esercitazione coinvolgerà oltre 150 persone e vi prenderà parte anche Paolo Masetti in qualità di delegato nazionale Anci alla Protezione civile.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Protezione civile, maxi esercitazione in dieci Comuni della Marca

TrevisoToday è in caricamento