menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Tensostruttura allestita dalla Protezione civile di Montebelluna

Tensostruttura allestita dalla Protezione civile di Montebelluna

Montebelluna, bilancio della Protezione civile: «387 interventi nel 2020»

Diffuso il rapporto delle attività svolte nell'anno appena concluso, segnato dall'emergenza Covid: «Quasi 40mila ore a servizio della cittadinanza». I ringraziamenti del sindaco

Anno record, il 2020, per la Protezione civile di Montebelluna. Sono 36.556 le ore di servizio gratuito svolte lo scorso anno dal Nucleo comunale pronto intervento. Un dato che mette in evidenza il prezioso lavoro svolto a favore della comunità in un anno particolarmente complesso ed impegnativo caratterizzato dall’emergenza Covid.

I dati del rapporto annuale della struttura che vede impegnate 50 persone, cui si aggiungono varie associazioni di volontariato che contribuiscono alla gestione della sicurezza e delle situazioni di emergenza del territorio, sono stati diffusi in questi giorni. Un impegno che, a livello generale, si è tradotto in 387 interventi diversi tra loro, dal supporto alla polizia locale alla collaborazione col Suem, dall’aiuto alle Istituzioni in particolare per l’emergenza Covid-19, al supporto a persone singole in difficoltà, dal presidio nelle situazioni di pericolo alla cattura e cura di animali. Si tratta di una struttura, quella della Protezione civile montebellunese, riconosciuta ai massimi livelli quale sede Coc (Centro operativo comunale), sede Com (Centro operativo misto), e Capo Mandamento per le necessità istituzionali e che da dicembre 2019 vede proprio il suo responsabile, Antonio Netto, eletto anche coordinatore della Protezione civile Provinciale del Distretto comprendente 15 Comuni da Nervesa della Battaglia a San Zenone degli Ezzelini.

Interventi eseguiti

Corsi Formazione n° 2
Assistenza a Grandi Eventi Popolari n° 4
Collaborazione con Carabinieri da protocollo per ritrovamento e brillamento ordigni bellici n° 1
Interventi urgenti per Neve n° 2
Ricerca persone scomparse n° 4
Persone indigenti assistite n° 6
Tso notturni effettuati n° 4 e n° 3 accompagnati in Psichiatria
Interventi di Recupero Salme richiesti dall’ autorità di polizia giudiziaria n° 34
Distribuzione viveri di prima necessità a famiglie bisognose n. 60 serate
Atterraggio elicotteri Istituzionali in piazzola Protezione Civile Montebelluna n° 42
Supporto Ulss 2 e Comuni per urgenza Covid-19 (trasporto disabili, assistenza popolazione, informazione, consegna computer scuole secondarie e primarie, trasporto farmaci in abitazioni, supporto per tamponi, consegna materiale informativo, consegna pasti famiglie in Covid, supporto alle istituzioni presenti nel territorio) n° 280.

Conclude il sindaco di Montebelluna, Elzo Severin: «I dati di questo report annuale sono solo in parte rappresentativi dell’immenso lavoro portato avanti gratuitamente dai volontari della Protezione civile. Lo dico perché, a questa enorme quantità di ore, si aggiunge una grande sensibilità ed umanità che fa sì che il servizio svolto dai volontari sia spesso accompagnato anche da un’iniezione di speranza nei confronti della comunità. Questo vale tanto più per gli innumerevoli interventi compiuti nel corso del 2020 in cui il contributo della Protezione civile è stato fondamentale, diventando a tutti gli effetti estensione, braccio operativo dell’amministrazione comunale per tutta una serie di operazioni urgenti e necessarie quali il trasporto dei disabili ed il pre-triage organizzato già nei primi giorni dell’emergenza presso il Pronto soccorso del San Valentino con l’installazione di un’apposita tensostruttura esterna, assieme all’attività di misurazione della temperatura agli utenti presso il Cup. A questa importante attività, si aggiunono anche la distribuzione dei buoni spesa alle famiglie in difficoltà, la distribuzione dei farmaci agli invalidi e agli anziani, il trasferimento degli invalidi per visite, la consegna delle mascherine alle famiglie montebellunesi, il trasporto di materiale tecnico-sanitario, il controllo dei varchi dei mercati cittadini ed il supporto nell’allestimento del centro tamponi ad Altivole».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Casa

Ammoniaca vs Candeggina: chi uccide meglio i germi?

Attualità

Roncade: messo in vendita il centro commerciale Arsenale

Attualità

Asolo, malore sul lavoro: dipendente comunale muore a 44 anni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Meteo

    Caldo anomalo nella Marca: «Da sabato temperature in calo»

  • Aziende

    «Positiva la scelta di istituire un ministero per la disabilità»

Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento