menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
L'ingresso della Provincia di Treviso (Foto d'archivio)

L'ingresso della Provincia di Treviso (Foto d'archivio)

Cittadinanza digitale, fondi per quasi due milioni alla Provincia di Treviso

Aderiscono all'iniziativa 28 Comuni della Marca. Il progetto vuole sostenere, in una logica di sistema, la diffusione di servizi digitali innovativi per imprese e cittadini

La Provincia di Treviso ha ottenuto il finanziamento per tre iniziative nell’ambito del bando “Agire per la cittadinanza digitale”, finanziato nell’ambito del Por Fesr Asse 2 “Agenda Digitale”. La Provincia ha candidato tre proposte in rappresentanza del soggetto aggregatore per il digitale (Sad), riconosciuto dalla Regione Veneto e comprendente anche il Comune di Treviso e il Consorzio Bim Piave. L’importo complessivo approvato ammonta a 1 milione e 856mila euro.

Il Sad rappresenta uno degli elementi cardine sul quale si basa l’intero progetto di convergenza digitale degli enti del territorio e il suo scopo è quello di accompagnare, a livello provinciale, il processo di trasformazione digitale degli enti locali. Le tre proposte finanziate sono: il consolidamento di un data center e creazione di un hub regionale; lo sviluppo e la diffusione dei servizi digitali di e-government, l’interoperabilità delle infrastrutture abilitanti. Il progetto sostanzialmente vuole sostenere, in una logica di sistema, la diffusione di servizi digitali innovativi per imprese e cittadini, accompagnando gli enti locali che da soli, soprattutto se piccoli, hanno difficoltà a gestire questo cambiamento continuo (il 18% dei Comuni coinvolti, infatti, non ha personale dedicato ai sistemi informativi o non ha server adeguati). La proposta di coordinare in un data center unico, gestito dal Sad, infrastruttura e servizi digitali degli enti coinvolti, creando un servizio di coordinamento comune, è un’occasione importante per rispondere alla sfida digitale che la pubblica amministrazione si trova ad affrontare. Aderiscono all’iniziativa 28 Comuni della provincia: Carbonera, Casier, Cessalto, Cimadolmo, Colle Umberto, Conegliano, Godega di S. Urbano, Gorgo al Monticano, Loria, Mansuè, Maserada sul Piave, Miane, Mogliano Veneto, Moriago della Battaglia, Motta di Livenza, Oderzo, Paese, Portobuffolè, Revine Lago, San Fior, San Polo di Piave, Sernaglia della Battaglia, Silea, Treviso, Vidor, Villorba, Volpago del Montello e Zenson di Piave per una popolazione complessiva di circa 340mila abitanti.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Covid, Zaia: «Veneto rischia di tornare in zona arancione»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Benetton apre a Firenze un nuovo negozio eco-friendly

  • Cronaca

    Camion finisce fuori strada, perso il carico di terra

Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento