Nuove attrezzature per i vigili del fuoco: 270mila euro dalla Regione

Il presidente Zaia ha consegnato personalmente ai pompieri veneti le nuove attrezzature tecnologiche destinate ai vari reparti della Regione. Un investimento molto importante

«Non credo ci sia un solo veneto che non debba ringraziare i vigili del fuoco. Sono i primi ad arrivare dove c’è bisogno, salvano vite, mettono a repentaglio le loro e fanno tutto con il cuore. Dare loro le dotazioni tecnologiche migliori è il minimo che si possa fare, e la Regione Veneto l’ha fatto, con 270 mila euro per il 2019 e 350 mila per il 2020».

Con queste parole, il presidente del Veneto, Luca Zaia, affiancato dall’assessore regionale alla Protezione civile, ha accompagnato la consegna delle nuove attrezzature acquistate dalla Regione e assegnate in comodato d’uso ai vigili del fuoco del Veneto. Si tratta di 7 kit a batteria per emergenze idrogeologiche; 3 sistemi di primo attacco al fuoco ad alta pressione; 14 generatori di energia; 22 kit da taglio composti da due motoseghe con piantana telescopica; 9 kit per interventi idrogeologici composti da motopompa e elettropompa; 7 kit per interventi in incidenti stradali; 2 kit di attacco al fuoco con aria compressa e schiuma.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«In Veneto – ha aggiunto il Governatore – la presenza dei vigili del fuoco è particolarmente significativa, anche per la grande integrazione con la Protezione Civile Regionale, i cui risultati si sono visti ampiamente in occasione della drammatica tempesta Vaia». Sottolineando l’impegno dei vigili del fuoco e della Protezione civile anche in occasione della più recente ondata di maltempo, che ha comportato importanti danni anche all’agricoltura, il Presidente della Regione ha espresso l’opinione che sia «necessario aprire lo stato d’emergenza a livello nazionale, perché oramai la situazione non si recupererà con un raggio di sole e sono messe a repentaglio varie produzioni: da quelle orticole alle frutticole, fino alle colture a pieno campo e ai vigneti».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Famiglia Zoppas in lutto: morto a soli 55 anni il noto manager Marco Colognese

  • «Prima smaltite ferie e permessi». Negata la cassa integrazione al Solnidò di Villorba

  • Coronavirus, oltre 10mila contagi in Veneto: cinque morti nella Marca

  • Scopre agricoltore che sversa liquami nel fosso: viene preso a martellate

  • Finisce in acqua mentre gioca in giardino, bimba di due anni muore annegata

  • Passeggia a 150 metri da casa: multato dalla polizia stradale

Torna su
TrevisoToday è in caricamento